PAOLO CATTANEO

Cantautore bresciano, inizia la sua carriera pubblicando "L'anima del cipresso", il suo esordio datato 1995. Il disco ottiene subito buoni risultati raccogliendo attenzioni da pubblico, ma soprattutto critica. Infatti, dopo numerose collaborazioni musicali partecipa alla realizzazione della compilation Bandsyndacate, con artisti del calibro di Paolo Benvegnù e Giovanni Ferrario. Del 2004 è l'ep "Nero", con la collaborazione di Hugo Race, primo chitarrista (e collaboratore) di Nick Cave. "L'equilibrio non basta", primo album diciamo ufficiale per via di un minimo di distribuzione nazionale, è del 2007. Paolo Cattaneo acquisisce una buona visibilità e i brani ottengono importanti segnalazioni anche su Radio 2, durante il programma Cd-live. Viene segnalato inoltre da Myspace come artista da non perdere. “Adorami e perdonami", l'ultimo album, esce nel 2009, per Eclectic Circus (distribuzione Venus). Il disco è stato prodotto con Daniele Sinigallia e con la partecipazione di Riccardo Sinigallia. Liriche introspettive, atmosfere intense e delicate, dense di significato e di suggestioni, caratterizzano lo stile di questo cantautore lombardo che ha una formazione classica (pianoforte, violino e contrabbasso) ed è diplomato al Cpm di Milano. Nella sua intensa carriera si è avvicinato al cinema e al teatro danza: il suo disco d'esordio ha dato vita ad un omonimo spettacolo multimediale e può vantare numerose collaborazioni in questo ambito. L'intensa attività live in questi anni lo ha portato in tutta Italia e tra gli appuntamenti più importanti  ricordiamo le importanti rassegne come Generazione x (Roma) e il MiAmi (Milano). Ha inoltre aperto i concerti di importanti nomi come Perturbazione, Hugo Race, Cesare Basile e Gianna Nannini. Il suggestivo videoclip della canzone Sei qui per me diretto da Daniel Marini ha ottenuto il premio per la migliore fotografia al Premio Videoclip italiano nel 2009.

 

 

 

Articoli recenti

Paolo Simoni

Anima

di Vale Ghezzi

Francesco Cafiso

Irene of Boston – Conversation avec Corto Maltese

di Emanuele Ronchi

Terminal Serious

Love was lies

di Max Casali