ultime notizie

Domenica è il nuovo singolo di ...

  La data scelta per l’uscita di questo nuovo singolo non è una data a caso. Infatti, scegliere il 1° maggio non può che rafforzare il messaggio che il brano Domenica ...

Agnese Valle e il nuovo singolo Autogrill

di Alberto Calandriello

Voi vi fermate spesso negli autogrill? Io sempre, adoro quei “non luoghi”, soprattutto quelli più artigianali e meno brandizzati, dove trovi cose che sembrano esistere solo lì. Ammetto anche che il mio amore per questi luoghi di ristoro, rifugio e spesso salvezza quando la strada sembra non finire più, nasca in parte dall'ascolto del classico di Francesco Guccini, contenuto nell'album “Guccini”, di 40 anni fa, quando ad esempio io non avevo la patente, ma mio padre lavorava in un distributore di benzina, proprio fianco a fianco ad un autogrill, da dove mi portò le prime cassette musicali.

Inevitabile quindi che la notizia dell'uscita di questa nuova versione del brano, ad opera di Agnese Valle (clicca qui per ascoltare il brano), mi abbia immediatamente incuriosito. La canzone fa parte del disco in uscita il 10 novembre, intitolato I miei uomini (Maremmano/Ird) e composto da 10 cover rivisitate da Agnese, ovviamente tutte di artisti maschi.

La cantautrice e clarinettista romana ha alle spalle già un bel percorso artistico e numerosi riconoscimenti: Premio della critica Amnesty International Emergenti 2020, Premio Panseri 2018, Premio della critica al Bianca d’Aponte 2017; diplomata in clarinetto al Conservatorio Santa Cecilia di Roma ha prestato il suo strumento alla colonna sonora del film di Edoardo Leo ‘Buongiorno papà’, al video ‘Se non ora quando’ a cura di Lunetta Savino e Cristina Comencini, al brano Cancao do mar con Francesco Di Giacomo e all'album “Il fischio del vapore “ di Francesco De Gregori e Giovanna Marini. Dal 2020 ha un suo programma radiofonico su Radio Elettrica e collabora con Amici di Maria De Filippi.

 

Dopo Baratto di Renato Zero (clicca qui per ascoltare il brano), Agnese Valle rivisita in chiave moderna il brano di Guccini, riuscendo a rendere attuali e contemporanee le immagini che il cantautore modenese aveva utilizzato 40 anni fa, dalla panachè, bevanda poco alcoolica che si ottiene mescolando “birra chiara e (l'ormai introvabile) seven up”, all'indù in latta di una scatola di the, che io per anni, quando ancora non era così semplice reperire i testi delle canzoni, credevo fosse tutt'altro.

Il quadro malinconico, suggerito dal contesto e dai personaggi un po' dimessi e “quasi tristi come i fiori o l'erba di scarpata ferroviaria”, riacquista intensità e colore, apparendo vivido e reale come fosse stato appena dipinto; a questo risultato contribuisce in modo determinante la produzione di Fabrizio Fratepietro, che sceglie insieme ad Agnese una ritmica più serrata, quasi hip hop, con un sapiente uso dei synth e dei cori.

I brani che faranno parte di “I miei uomini” sono a firma di Tenco, Morgan, Brunori SaS, oltre ovviamente a Guccini e al già citato Zero, per un progetto che si propone di ribaltarne la visione, grazie alla reinterpretazione al femminile che non solo fornisca un nuovo sguardo, ma le riporti nel presente, con una nuova veste. In sintesi si vuole rendere universale la narrazione dell'amore, allargandolo e aggiornandolo a tutte le nuove declinazioni.

Il nuovo lavoro di Agnese si baserà su sonorità attuali ed eterogenee, con un importante utilizzo dell'elettronica oltre a contenere anche un brano inedito e sarà  legato anche ad uno spettacolo d’impostazione teatrale, che andrà in scena nella primavera 2024 per festeggiare i dieci anni di attività discografica di Agnese Valle: il suo primo album, “Anche oggi piove forte”, è infatti del 2014.

Un ottimo motivo per una sosta in uno di questi Autogrill, dove il tempo è sospeso e dove potremo guardarci attorno con malinconia, magari vergognandoci, ma solo un poco appena.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento