ultime notizie

Alice: il suo Viaggio in Italia ...

La cantautrice terrà a ottobre una serie di concerti in terra tedesca Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size ...

Alice: il suo Viaggio in Italia, da Napoli in Germania

La cantautrice terrà a ottobre una serie di concerti in terra tedesca

Alcuni viaggi non finiscono mai, restano dentro, circolano tra mente e cuore, aprono nuovi spiragli indicando percorsi interiori rigeneranti. Il Viaggio in Italia di Alice è tra questi. La nostra Valeria Bissacco già ci aveva raccontato con parole e immagini la data di Bologna del 27 Marzo (potete leggere l’articolo a questo link).

Nella splendida e suggestiva cornice del Cortile d’Onore del Palazzo Reale di Napoli, all’interno del nutrito cartellone del Napoli Teatro Festival, lo scorso 8 luglio, il pubblico presente ha vissuto un’esperienza di musica e bellezza fuori dal comune grazie all’arte, sempre fulgida, altissima e intatta nella dignità, di Alice. La sua voce, unita a carisma ed espressività eccezionali, si è rivelata una potente traghettatrice sulla rotta della migliore canzone d’autore italiana, patrimonio poetico e musicale di valore inestimabile.

Il viaggio ha preso il via da Un blasfemo di Fabrizio De André per approdare  nell’Altantide di Francesco De Gregori e nella Lindbergh di Ivano Fossati, fino a raggiungere l’universo di Lucio Dalla con Almeno pensami e Il cielo. Di grande intensità le riletture di Non insegnate ai bambini di Giorgio Gaber e Auschwitz di Francesco Guccini. L’immersione nel mondo del suo mentore per antonomasia, Franco Battiato, ha toccato punte emozionalmente acute con I treni di Tozeur, Prospettiva Nevski e La cura, ma anche in gioielli come L’era del mito e Nomadi di Juri Camisasca, L’umana nostalgia e La realtà non esiste di Claudio Rocchi e ancora A’ cchiù bella, canzone dell’indimenticata Giuni Russo su testo di Totò.

 

Nella traversata d’autore, Alice ha incastonato alcune perle tratte dal suo repertorio: Il contatto, Dammi la mano amore, Il sole nella pioggia, oltre alle più note Il vento caldo dell’estate (singolo del 1980 che la consacrò definitivamente) e Per Elisa (vincitrice del Festival di Sanremo 1981) a conclusione del viaggio. Al fianco dell’artista due musicisti di elevata caratura come Claudio Guaitoli (pianoforte e tastiere) e Antonello D’Urso (chitarre e programmazioni). Il Viaggio in Italia di Alice non si ferma a Napoli, ma approderà in Germania il prossimo ottobre per una serie di concerti che toccheranno Leipzig (1 ottobre, Haus Auensee), Mannheim (3 ottobre, Rosengarten – Mozartsaal), München (4 ottobre, Circus Krone), Düsseldorf (5 ottobre, Tonhalle). Un’occasione speciale per valorizzare e far conoscere un pezzo importante della nostra tradizione cantautorale attraverso un’interprete che rappresenta una gemma luminosa e preziosa del panorama musicale italiano. 

Crediti Foto: Salvatore Minopoli e Mattia Tarantino

 

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento