ultime notizie

Daniele Gozzetti: il blues ha un ...

                  Nuovo progetto per Daniele Gozzetti, cantautore bresciano dall’anima rock ‘n’ roll. Si tratta di un video nel quale Gozzetti reinterpreta Blues run the game, un classico dell’americano Jackson ...

Il 10 luglio chiudono le iscrizioni del Premio Piero Ciampi

«Un messaggio forte, rivolto soprattutto ai giovani, contro l'omologazione e a favore di creativita' e talento». L'assessore regionale alla cultura Cristina Scaletti ha definito così il 'Premio Piero Ciampi', concorso per musica emergente e d'autore, del quale oggi a Livorno è stato presentato il bando di concorso dell'edizione 2011.Cantautori e band potranno iscriversi entro il 10 luglio al premio intitolato al cantautore livornese morto nel 1980. Le serate finali sono in programma il 14 e 15 ottobre. Il concorso ha lanciato tra gli altri gruppi come Lacrus, Bandabardò, Virginiana Miller, Les Anarchistes. «La Regione continuerà a sostenerlo per quanto possibile, dobbiamo premiare chi lavora per favorire lo sviluppo dell'originalita' - aggiunge Scaletti - Non e' vero che i giovani si accontentano di forme culturali di basso profilo; occorre però che esista un'offerta di qualità, in grado di consentire la possibilita' di una alternativa». La presenza della Regione, per la prima volta dalla nascita del premio, e' stata sottolineata con soddisfazione dagli organizzatori. «È un periodo di difficoltà economica - spiega il direttore artistico Franco Carratori - e quindi dobbiamo ringraziare Comune e Regione che hanno confermato il loro contributo, invitando anche gli altri enti a non venire meno perchè alla lunga altrimenti il premio nei prossimi anni potrebbe rischiare di saltare». Il riferimento e' anche alla Provincia di Livorno. Lo stesso assessore comunale alle culture Mario Tredici non ha nascosto le difficolta' di contribuire al Premio a fronte di «un taglio di 6 milioni quest'anno e 9,6 nel 2012». «Credo - ha concluso Tredici - che occorra pensare a forme nuove e originali di rapporto tra pubblico e privato per tenere vive realta' come questa».

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento