ultime notizie

Lucchetti è il nuovo singolo di ...

Leo Pari è un vero e proprio artigiano della musica pop, dove con questo termine vogliamo evidenziare la sua capacità di attingere dalla scuola cantautorale più consolidata e integrarla con arrangiamenti ...

Si chiama ‘Brillare da sola’ ma lo fanno insieme. È il nuovo singolo di “Le Deva”

È uscito il 23 ottobre il nuovo singolo de Le Deva. Un titolo evocativo, Brillare da sola, è un pezzo che ti resta addosso già al primo ascolto. Un progetto, quello de Le Deva, il cui nome è ispirato agli antichi spiriti della natura, in particolare ai quattro elementi (terra, acqua, fuoco, aria); sono quattro storie, quattro carriere che qualche anno fa scelgono di fondersi in un unico percorso comune. Un progetto che vanta un disco d’oro con il singolo L’amore merita (2016), al tempo uscito con il nome delle quattro artiste: la sarda Simonetta Spiri che poi ha lasciato il posto all’accattivante Laura Bono (indimenticabile nella sua interpretazione di Non credo nei miracoli a Sanremo 2005), Greta Manuzi, che ottenne una buona visibilità nel 2013 grazie al talent show ‘Amici’, Roberta Pompa definita “voce da brivido” ad X Factor 2013 e infine Verdiana Zangaro che dal secondo posto nel 1995 a ‘Bravo Bravissimo’, non ha mai smesso di cantare.

                                                    clicca qui per il video

“Le quattro donne del pop” hanno sempre affrontato temi importanti e lo fanno anche in questo pezzo, scritto da Tony Maiello con la collaborazione di Marco Rettani. Nasce come un inno alle donne, un invito a sentirsi più autonome e consapevoli nella vita e nell’amore, quindi non poteva esserci interprete migliore di un gruppo formato da donne con personalità diverse che si fondono in una voce comune. La produzione del singolo è stata affidata ad uno storico collaboratore de Le Deva: Enrico Kikko Palmosi. Dicono le artiste: “Con questa canzone, speriamo di infondere coraggio per ritrovare la luce che possediamo sempre, ma che spesso fatichiamo a vedere”. Ce la faranno?

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento