ultime notizie

Domenica è il nuovo singolo di ...

  La data scelta per l’uscita di questo nuovo singolo non è una data a caso. Infatti, scegliere il 1° maggio non può che rafforzare il messaggio che il brano Domenica ...

Teatro Goldoni, Livorno

Premio Ciampi

È stata una delle migliori edizioni del Premio Ciampi. La serata finale non ha deluso le aspettative del pubblico, con i biglietti esauriti già in mattinata”. È soddisfatto Franco Carratori dopo la chiusura della edizione numero 18 della rassegna dedicata al grande cantautore toscano, anzi livornese. Anche gli ultimi posti del loggione del teatro Goldoni erano infatti stati venduti prima dell'appuntamento conclusivo e musicalmente si è trattata di un'edizione nel segno della grande eccellenza.

La sorpresa maggiore è stata quella di Morgan, che ha presentato per la prima volta Il denaro di Ciampi giocando sul cognome e riferendosi non solo all'artista scomparso Piero, ma anche all'ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio. Nel suo set ha anche proposto Il denaro, brano di Piero da cui aveva tratto l'ispirazione per il suo inedito e Qualcuno tornerà in italiano e inglese per completare l'omaggio al cantautore di Livorno. L'esibizione di Morgan al teatro Goldoni ha preceduto quella di Eugenio Finardi e Roberto Vecchioni, targhe alla carriera.

Vecchioni, nell'edizione del premio che aveva come titolo ‘La cultura non è un lusso’, ha invece spiegato come nonostante la situazione attuale lui veda nei giovani un grande interesse verso la cultura e le espressioni artistiche, sottolineando anche come Piero Ciampi sia stato un vero e proprio genio della musica italiana. Prima della fine della sua esibizione, “il professore” si è però lasciato prendere (un po’ troppo) la mano, iniziando un battibecco a distanza con uno spettatore sui problemi della scuola e della società. Parte del pubblico l'ha invitato con forza a cantare e Luci a San Siro ha siglato la pace.

Finardi, sempre autorevole nella sua semplicità musicale e umana, ha anche partecipato all'omaggio che Marco Ferradini ha dedicato a un altro grande musicista dimenticato come Herbert Pagani, concretizzato in un doppio Cd appena uscito dal titolo “La mia generaizone”. Grande successo ha avuto l'esibizione di Kenny White, proveniente da New York e che è stato premiato come miglior musicista straniero nell'angolo dedicato a Ernesto de Pascale, indimenticato presentatore del premio e componente della giuria scomparso nel 2011.

Nel pomeriggio erano stati premiati La Metralli, gruppo vincitore del concorso nazionale, Il Generale & No Lounge, migliore cover di Piero Ciampi, e la violista Giulia Nuti, per la nona volta sul palco del Ciampi. Ha chiuso la serata (aperta dai sempre più bravi Sinfonico Honolulu e che ha visto sul palco anche il festeggiatissimo Bobo Rondelli con un omaggio a Johnny Cash e Claudio Lolli, premiato nel 2002), l'omaggio in  napoletano dei Letti Sfatti con il progetto "E se il mondo assomigliasse a Piero Ciampi" con Peppe Lanzetta ospite sul palco.

 

Foto di Federico Bernini


Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2012-10-27
  • Luogo: Teatro Goldoni, Livorno
  • Artista: Premio Ciampi

Altri articoli di Lucio Franceschetti