ultime notizie

Never give up, nuovo singolo e ...

             Da lunedì 15 gennaio, è online, sulle principali piattaforme streaming e digital store, Never Give Up, il nuovo singolo di Numa. Il brano, prodotto e arrangiato da Max Minoia, è caratterizzato dalle ...

Riverside "Food Sounds Good"

Pino Marino

L’occasione è stata la riapertura di stagione del Riverside (Montesacro, Roma) lo scorso 7 ottobre. Quando Pino Marino ha chiamato attorno a sé alcuni amici-cantautori con cui ha fatto, o sta facendo ora, un pezzo di strada. Uno dopo l’altro i suoi brani più intensi, accompagnato dal suo storico collaboratore Pino Pecorelli al contrabbasso, e al loro fianco Agnese Valle, Niccolò Fabi e Simone Cristicchi.

Cari amici cantautori (nuova occasione per un Concertacolo) è stata una serata di vecchi incontri e nuovi passi, come il neonato brano “Come la punta del mio dito”, presentato al pubblico da Pino Marino e Agnese Valle alla sala piena del Riverside. Vecchi incontri, come Aliante brano del 2009 contenuto nell’album di Fabi Solo un uomo che, come tutte le belle canzoni, non sente il tempo che passa e nell’esecuzione dei due amici, sembra scritta oggi. Come Ti regalerò una rosa, perfetta e commovente ad ogni ascolto, che Simone Cristicchi regala accompagnato al piano da Sade Mangiaracina. Quattro minuti di esecuzione in cui anche il brusio di sottofondo del locale sceglie di azzittirsi, ad ascoltare.

Pino Marino, scrittore superbo di canzoni finissime, è amico de L’Isola dal lontano 2004 quando vinse la prima edizione del nostro concorso L’Artista che non c’era con il brano Canzone n.8. Quale migliore occasione della serata al Riverside per scambiare qualche parola con lui?

Che cos'è il concertacolo?
Il concertacolo è una forma di spettacolo che varia continuamente, è di volta in volta improvvisato su quello che accade intorno, facendo diventare testo anche quello che non era previsto lo fosse. Questo formato qui (con Agnese Valle, Simone Cristicchi e Niccolò Fabi, ndr) è stato richiesto in maniera specifica per questa serata dagli organizzatori e dai responsabili del Riverside.

In un'intervista di qualche anno fa ti sei definito ricercatore della musica, piuttosto che cantautore.
È quello che in parte si è detto nel corso della serata. Essendo cambiato lo scenario mercantile, di vendita, di promozione, è cambiato anche quello delle figure: prima i cantautori erano quelli che consideravamo tali, ma oggi cantautori sono anche Tiziano Ferro e Cremonini. Allora dove finisce e dove inizia quel ruolo?

Qual è il punto?
A mio avviso il punto non sta semplicemente nello scrivere e cantare se stessi. Non bisogna perdere di vista il fatto che il cantautore dovrebbe tentare di forzare i varchi del convenzionale, dell'usato o di quello che è in voga. O ci si attiene a una grammatica stretta, di pochissimi vocaboli, a un tema quasi fisso, e si sta in un canone riconosciuto per arrivare a un grande pubblico, o si forza il varco e non si sta dietro a questa regola, si prova a romperla anche sbagliando, si tenta di andare oltre il soggetto consueto usando più disposto al rischio, mescolato magari alla narrativa. Il cantautore è un carburatore che assorbe e restituisce una visione altra, è una figura che fa ricerca, senza dare al termine velleità scientifiche e senza equivocarlo con: pesantezza.

A cui invece spesso le canzoni d'autore vengono accostate.
Si dice spesso infatti "canzoni impegnate". Non si tratta nemmeno di impegno, si tratta di disponibilità. Punto. Disponibilità a non farsi intrappolare dal consueto richiesto e forzare naturalmente il varco per spostare la macchina altrove. Oggi è questo il cantautore: scrivere se stessi non basta per avere questa definizione.

Hai citato Fernanda Pivano prima di cantare Canzone n. 8, con cui hai vinto il primo concorso dell'Isola, L'Artista che non c'era, nel 2004. Ci racconti com'è andata?
Era la prima edizione de L'Artista che non c'era. Fernanda Pivano era presidente di giuria e fece un pistolotto in chiusa con gli altri giurati, dicendo che con quella canzone si era inventato il loop di strofa, quindi alla fine venne fuori un'unanimità a mio favore, sicuramente capitanata da Fernanda Pivano (ride, ndr). Da lì è nata anche la nostra amicizia, ma ci siamo frequentati poco purtroppo. Lei, per esempio, ha mantenuto a lungo la voglia di filtrare tutto quello che incontrava, anche nel mondo dei cantautori.
 

(Intervista a cura di Daniele Sidonio)

Foto di Tony Donato

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2017-10-07
  • Luogo: Riverside "Food Sounds Good"
  • Artista: Pino Marino

Altri articoli di Redazione Isola