ultime notizie

Apre il 19 luglio Suoni di ...

A Treviso concerti gratuiti per tutti i gusti sulle antiche mura della città. Dal 19 luglio al 5 agosto a Treviso torna Suoni di Marca, che quest’anno giunge alla ...

Atlantico, Roma

Annalisa

Dopo le parole e i suoni, ecco la fisicità del cambiamento: Annalisa “saluta tutti” dal palco dell’Atlantico Live, aggiungendo una nuova esperienza live che in parte rivoluziona il suo percorso artistico. Già dalla scenografia, composta dall’esoticità delle piante ai lati e dal clubbing del led sullo sfondo con il tag cromatico ‘Annalisa’ e luci psichedeliche, s’intuisce che questo ‘Bye Bye tour’ sarà una fuga dalla routine iconografica e scenica che ha contraddistinto i suoi precedenti concerti, in direzione di sonorità elettro-pop e di posture marcatamente dance. Infatti, l’artista ligure ha abbandonato letteralmente nell’intro Bye Bye la giacca antivento del passato per lasciarsi trascinare dalle folate casual, popolari, energiche, come a voler tratteggiare una serata in discoteca, strappando il microfono al vocalist. Ed eccola dunque eseguire con grinta Ogni festa, Used to you/potrei abituarmi e tante altre hit dei suoi ultimi lavori Se avessi un cuore (2016) e Bye Bye (2018), sganciandosi quasi completamente dall’austerità di un passato pesantemente melodico. Essa, infatti, riemerge timidamente nella breve parentesi intimista voce e chitarra di Sento solo il presente e Una finestra tra le stelle, e in quegli acuti imprescindibili dal suo repertorio che delegittimerebbero qualsiasi mixer a disposizione (anche se ne sono vittima inconsapevole).

Persistono dunque tracce di eleganza canora, dovuta ad arrangiamenti immutabili per alcuni brani (Il mondo prima di te), che emergono maggiormente dopo aver perso punti qualitativi nei duetti con Mr. Rain (Un domani, Ipernova) e Benji&Fede (Tutto per una ragione, Moscow Mule), tanto credibili sul digitale ma così carenti e deboli dal punto di vista artistico e scenico. Questa tesi è facilmente comprovata dall’ingresso invisibile sul palco di Madonna e Lady Gaga, rispettivamente mixata e coverizzata da Annalisa nei pezzi Noi siamo un’isola (con l’integrazione di ‘La isla bonita’) e ‘Perfect Illusion’ nell’encore finale, che hanno fatto scatenare letteralmente la platea.

Il concerto, infine, si è concluso con il bis di Bye bye, scelta originale e di pregevole fattura per la circolarità della lunga scaletta di ben 25 pezzi, interrotta saltuariamente dall’artista per i ringraziamenti al pubblico. A differenza del passato, in pratica, Annalisa si è avvalsa di messaggi brevi e concisi, per lasciare che il flusso pop-dance della sua nuova band facesse il suo corso, nel nome di una sfrenatezza motoria e ritmica mai così evidente.

foto di Andrea Celesti



Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2018-05-10
  • Luogo: Atlantico, Roma
  • Artista: Annalisa

Altri articoli di Luca Vincenzo Fortunato