ultime notizie

Un docu-film su Fabrizio De André ...

"DEANDRÉ#DEANDRÉ - Storia di un impiegato" di Roberta Lena Un omaggio musicale e personale a Fabrizio De André nel racconto inedito del figlio Cristiano. di Annalisa Belluco   Un film-documentario che ...

Mola di Bari – Palazzo Pesce

Maria Mazzotta e Vince Abbracciante

Alcuni artisti non è possibile apprezzarli fermandosi al solo ascolto su disco. Appena se ne presenta l’occasione, è necessario correre a un loro concerto. È il caso di Maria Mazzotta, voce e anima popolare salentina che, dopo un lungo e fortunato tour in giro per mezza Europa, è approdata a Mola di Bari inserendosi nel ricco e variegato programma degli eventi di Palazzo Pesce, ideato e organizzato alla perfezione dal soprano Margherita Rotondi. La Mazzotta, dal vivo, è ancora più impressionante. Il suo canto taglia l’aria e arriva in tutta la sua forza come un prodigio che si manifesta in ogni respiro, in ogni parola musicata, dal pianissimo al fortissimo, in un crescendo travolgente che rapisce chi ascolta. Il talentuoso Vince Abbracciante la sostiene a meraviglia con la sua fisarmonica e, a sua volta, si fa inseguire dalla cantante nelle sue incredibili improvvisazioni. Un connubio perfetto che sfiora l’assoluto, regalando momenti di altissima carica emotiva.

Gran parte dei brani dell’album Amoreamaro, pubblicato a inizio 2020, acquistano nuova vita in una sorta di dialogo a due, dove Maria si fa voce narrante di un patrimonio musicale preziosissimo che va dalla pizzica (Pizzica di Sannicola) allo stornello (Vorrei volare di Uccio Aloisi) e alla ballata (La ballata della presa di coscienza di Rina Durante), non tralasciando rivisitazioni mozzafiato come No potho reposare (nel ricordo di Andrea Parodi), Scure maje (dal repertorio tradizionale abruzzese), Lu pisci spada di Domenico Modugno e Rosa canta e cunta di Rosa Balistieri. In scaletta anche due composizioni della stessa Mazzotta, la sognante Nu me lassare e l’originale e denunciante pizzica Amoreamaro. Dinanzi ad artisti di tale calibro, ormai non si può più parlare di “giovani promesse” bensì di “realtà” che, senza trucchi e senza inganni, nella totale consapevolezza del proprio essere, splendono di luce pura e autentica.

Photo credits: Palazzo Pesce

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2021-08-27
  • Luogo: Mola di Bari – Palazzo Pesce
  • Artista: Maria Mazzotta e Vince Abbracciante

Altri articoli di Andrea Direnzo