ultime notizie

Chrysalis è il nuovo singolo dei ...

di Giampiero Cappellaro Tornano i biVio, formazione nata a Parigi nel 2018 dall’incontro della cantante Natalia Bacalov, figlia del noto compositore Luis Bacalov (e madre di origine italiana), e ...

Palazzo Viceconte, Matera

Pilar

 

Per la legge di attrazione, bellezza attira altra bellezza. I Sassi di Matera e la musica di IlariaPilar’ Patassini, binomio perfetto per riempire occhi e anima di meraviglia in una piacevole sera d’agosto. Nella splendida - l’aggettivo qui necessita - terrazza panoramica di Palazzo Viceconte (qui una foto di A.Direnzo) sovrastata dal campanile del Duomo, in un suggestivo gioco di luci e ombre, senza palchi e senza distanze, in un’atmosfera di forte intimità è avvenuto un incontro musicale ed emozionale tra Pilar (di rosso vestita) e l’attento pubblico. Accanto a lei il valente Federico Ferrandina (chitarra e arrangiamenti), Andrea Colella (contrabbasso) e l’ensemble Matè e Solisti Lucani, impeccabili nell’accompagnare l’artista romana nella rilettura di molti brani del suo ultimo album, Luna in ariete, più altri attinti da precedenti lavori, tra cui “Sartoria Italiana fuori catalogo” (2011) e “L’amore è dove vivo” (2015).

Appassionante, e a tratti spassoso, il racconto imbastito da Pilar tra una canzone e l’altra, in alcuni casi illuminante per comprendere al meglio la sua poetica, la sua ricerca di donna e cantautrice, per esempio nel vivere la maternità (Il suono che fa l’universo) o nel dare importanza alla cultura attraverso ispirazioni che provengono dalla letteratura (Eccomi con tanto di frase finale liberamente tratta dalla poesia ‘Il pianto della scavatrice’ di Pier Paolo Pasolini) o ancora nella sarcastica presa di coscienza di essere una persona fortunata (La parte giusta del mondo).

La voce di Pilar è capace di librarsi alta e libera, in ogni direzione e intenzione, tanto dolce e soave, quanto ferma e decisa nel valorizzare il significato delle singole parole. È un piacere ascoltarla dal vivo, lasciarsi catturare dalla sua notevole capacità espressiva e comunicativa. In chiusura, a sottolinearne l’enorme versatilità, l’esecuzione dello standard jazz So In Love di Cole Porter, tratto dalla commedia musicale ‘Kiss Me, Kate’. Parentesi a cui ha fatto seguito Dopo l’amore, motivo scritto insieme a Bungaro, diamantino epilogo di uno dei concerti più intensi di questa estate 2022, di quelli che lasciano dentro una traccia luminosa.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2022-08-19
  • Luogo: Palazzo Viceconte, Matera
  • Artista: Pilar

Altri articoli di Andrea Direnzo