ultime notizie

Chrysalis è il nuovo singolo dei ...

di Giampiero Cappellaro Tornano i biVio, formazione nata a Parigi nel 2018 dall’incontro della cantante Natalia Bacalov, figlia del noto compositore Luis Bacalov (e madre di origine italiana), e ...

Garage Moulinski, Milano

Paolo Marrone - Massimo Germini

È un (ancora) tiepido giovedì sera di fine ottobre quello in cui ci accoglie il Garage Moulinsky, Milano, Zona Certosa, locale tra i più interessanti della città per la sua programmazione musicale che spazia tra Jazz, canzone d’Autore (molto spesso al femminile, come la rassegna 'Because the Night' curata da Marian Trapassi) e Stand Up Comedy. Questa sera sul palco la presentazione del primo album in assoluto dedicato all’opera di Roberto Vecchioni, che si intitola E invece non finisce mai, titolo preso da una tra le più intense canzoni d’amore del Professore, uscita sull’album “Rotary Club of Malindi” del 2004.

 

Ed è giustappunto l’amore il fil rouge delle tredici canzoni, incise da Vecchioni tra il ’71 ed il 2004, che compongono il disco tributo pensato e realizzato da Paolo Marrone. Un omaggio che, nella dimensione live, ripropone l’esatta scaletta che troviamo nel disco. Paolo Marrone, voce solista della band foggiana Favonio, ha scelto di farsi accompagnare in questo lavoro dal Massimo Germini, scelta quanto mai azzeccata, visto che parliamo del chitarrista acustico che da anni vediamo a fianco di Vecchioni.  (qui in alto i due protagonisti in una foto di studio realizzata dal fotografo e amico Renzo Chiesa).

Il risultato di questo binomio è un disco che mette bene in evidenza le peculiarità di ognuno dei due con la base, solidissima, di brani che hanno accompagnato la discografica del “prof”. La cosa che colpisce di più all’ascolto è che rispetto agli arrangiamenti originali qui si è lavorato per sottrazione, restituendo un atmosfera raccolta ed intima in cui lo spettatore viene cullato dalla voce bassa e corposa di Marrone e dai leggeri appunti (ma precisi e raffinati come è nel suo stile) della chitarra di Massimo Germini. Aggiungiamoci che quest’ultimo, in virtù di quel che dicevamo e cioè che ha vissuto – e ancora vive – fianco a fianco sul palco con Vecchioni da circa vent’anni, si fa spesso ‘cicerone’ raccontando e riassumendo il senso, colmo di spunti letterari, dei brani scelti dal duo.

Le tredici tracce in scaletta (qui un momento del live in una foto di Emanuele Ronchi) spaziano dai grandi classici come Luci a San Siro, Mi manchi, Dentro gli occhi a brani meno conosciuti come la title track o Sestri Levante. Ci vuole un attimo, nell’ascolto live, a sganciarsi dai brani originali che si hanno in testa da sempre ed entrare nella dimensione di questo tributo e in questo la scaletta scelta ci aiuta, in un crescendo emotivo e di coinvolgimento che ci trasporta nell’intimità della dimensione acustica.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

Scaletta concerto (Identica alla scaletta del disco)

Il cielo capovolto (Ultimo canto di Saffo)
Mi manchi

Sogna ragazzo sogna

La bellezza (Gustav e Tadzio)

Vorrei

Sestri Levante
E invece non finisce mai

Figlia

Viola d’inverno

Celia de la Serna

Le lettere d’amore

Dentro gli occhi

Luci a San Siro

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2022-10-20
  • Luogo: Garage Moulinski, Milano
  • Artista: Paolo Marrone - Massimo Germini

Altri articoli di Emanuele Ronchi