ultime notizie

I Perturbazione raccontano l’uscita di ...

La data di pubblicazione dell’ottavo disco in studio dei Perturbazione, fissata in origine per il 20 marzo, a causa del Covid-19 e dei conseguenti problemi di distribuzione, è slittata di ...

Stadio Via del Mare, Lecce

Zucchero

Un Via del Mare tutto esaurito ha accolto con entusiasmo le oltre due ore di show del bluesman emiliano, ritornato in grande stile per un tour estivo davvero esplosivo. Il pubblico, già riscaldato dal graffiante rock degli Eccebombo, meritatissimi vincitori del “Cornetto Free Music Contest 2008”,  ha letteralmente osannato l’ingresso di Zucchero, che con la sua chitarra si è accomodato su di un grande trono rosso, al centro di un palco altrettanto imponente e impreziosito da un videowall a forma di specchio (con tanto di cornice finto-antica) su cui scorrevano immagini e giochi di colore collegati ai pezzi del live.

Pronti via senza mai fermarsi, a partire dalle prime note di Dune Mosse, passando per le intime vibrazioni di Occhi, la carica di Bacco x bacco, e tutto d’un fiato fino a Diamante, nona canzone in scaletta usata come primo saluto al popolo salentino.
La formula dello “Stadium Theatre, All The Best World Tour”, con uno spettacolo con parterre provvisto di poltroncine, è stata presto sovvertita dalle sue canzoni più famose, da Baila a Il Mare, vero e proprio invito ad abbandonare i propri posti e lasciarsi trascinare dall’onda del blues.

Discreti giochi di luce hanno accompagnato le atmosfere soft dei brani più classici, senza mai invadere la personalità accattivante di un personaggio capace di tenere il palco per più di due ore con la stessa grinta dall’inizio fino al termine.
Dopo una prima tranche composta da ventuno pezzi, alternati tra romantiche ballate in puro stile blues a canzoni dal ritmo scatenato come gli storici Pippo, Libidine e Diavolo in me, ben due i bis concessi: nel primo è la volta di un’intensissima e altrettanto emozionante Miserere («una canzone scritta con un amico che non c’è più») con la voce di Big Luciano che si diffonde nella calda notte del Salento intonando le prime note del brano che ha immerso gli spalti in un rispettoso silenzio rotto solo alla fine da applausi scroscianti.

Ultimo buio in scena e, forse troppo in fretta, giunge il vero finale: una Per colpa di chi carica di energia coinvolge un parterre ormai incapace di resistere seduto. E’ il ringraziamento di Zucchero ai suoi fan, l’ennesima conferma che «il blues non morirà mai».

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2008-08-08
  • Luogo: Stadio Via del Mare, Lecce
  • Artista: Zucchero

Altri articoli su Zucchero

Altri articoli di Angela De Simone