ultime notizie

Orzobimbo, nuovo brano per Enrico Fridlevski

Enrico Fridlevski, già frontman del gruppo toscano Vick Frida, torna alla musica cantata con un brano in uscita domani 25 aprile, dal titolo fortemente evocativo: Orzobimbo. Evocativo, per noi nati ...

Aversa (Ce)

Premio Bianca d'Aponte 2008

Va a Erica Boschiero e al suo brano Anita, ballata dal sapore folk, la quarta edizione del Premio Bianca d’Aponte di Aversa, nonché il premio per il “Miglior testo”. Gli altri riconoscimenti: a Silvia Caracristi il “Premio della Critica” per Pagine vuote; a Katres il premio come “Miglior composizione” con Bianco elettrico; a Pilar il premio per la “Migliore interpretazione” per Attesa.
Di grande valore artistico gli ospiti: dagli Avion Travel alla madrina di questa edizione, Fausta Vetere (standing ovation per lei), passando per Kaballà, Rossana Casale, Momo, Ferruccio Spinetti, Isa e Max Manfredi, che nella seconda serata si è esibito in un duetto d’eccezione con Brunella Selo sulle note di Reginella (pianoforte inconfondibile di Marco Spiccio). E come di consueto, sul palco si sono esibite anche le vincitrici delle passate edizioni: Veronica Marchi, Chiara Morucci e Mama’s Gan.

E qui finisce il compitino ingrato del reporter.
Ma ci sono altre cose importanti da dire: il Premio Bianca d’Aponte di Aversa è un miracolo. Partiamo da una considerazione: l’Italia è piena di premi e manifestazioni sulle canzoni; si premia in nome del fanatismo necrofilo, di discografie morenti, di incompetenza viva e vegeta in merito alle canzoni. Manca solo il premio vaticinato da Woody Allen in Io e Annie: “Premio al più grande dittatore nazista: Adolf Hitler”. Spesso, nelle giurie imperano discografici claudicanti alla ricerca di un ventre piatto e volti televisivi; sui palchi “presentatori annegati sputan perle raccolte da tutti i fondali” e l’esperienza condivisa a ricordo dell’occasione è la tacita rincorsa alla filosofia della posa in trequarti. I ragazzi che partecipano? Carne da mattatoio da sprezzare per il macello. Non tutti i premi sono così, sia chiaro. Non serve scomodare il Tenco – santa preterizione! – per trovare chi fa sul serio. Questi luoghi ci sono, ma si confondono tra gare di ricerche al “ritornello che funziona” e volti che spaccano il video, plastica pura. Nessuno suona più.
Fine della considerazione.

Ora: il Premio Bianca d’Aponte è un miracolo perché ha un criterio premiativo esclusivo: si occupa delle canzoni delle donne. Riflette su quello che fa: per capire cosa si fa e dove si va ci sono dibattiti pomeridiani, quest’anno moderati da Enrico Deregibus e Antonio Piccolo (enfant prodige della critica musicale). Ha una direzione artistica autorevole: Fausto Mesolella degli Avion Travel è persona di sicura competenza e che non ha certo bisogno di sottostare a giochi di favori e castrazioni artistiche. È un luogo dove si suona dal vivo: le artiste suonano, presentano al pubblico “qui e adesso” cosa hanno scritto e sanno fare. Si esalta l’aspetto compositivo e la performance: sono state frequenti le domande dei presentatori Sandro Petrone e Roberta Balzotti – mai televisivi, curiosi, preparati e per niente intenzionati a violentare fondali – sulla creazione dei brani e sull’esecuzione.
È un miracolo, perché, in giuria e nel comitato di garanzia, ci sono per la stragrande maggioranza critici e artisti, non venditori. È un miracolo, perché Gaetano d’Aponte è mosso dalla genuina passione per la canzone d’autore e del ricordo di Bianca. I dischi non si vendono più e in futuro chi saprà fare qui e adesso sul palco andrà avanti, gli altri avranno fatto bene a tentare.
A questo punto, l’augurio è che la F.I.O.F.A. davvero riesca a porre la meritocrazia artistica come unico e santo criterio per la nascita di nuove figure della canzone. Il Premio Bianca d’Aponte ne è meraviglia esemplare imprescindibile.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2008-10-25
  • Luogo: Aversa (Ce)
  • Artista: Premio Bianca d'Aponte 2008

Altri articoli di Paolo Talanca