ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Melpignano (LC)

La Notte della Taranta 2008


Alzi la mano chi l’ha sentita nominare. Tutti. E chi c’è stato? Pochi. Un po’ perché il tacco della Penisola è lontano, un po’ perché un pubblico a sei cifre mette soggezione… Bando alle ciance, fatevi irretire dalle sirene, lo spettacolo merita assolutamente il viaggio (condito di onde, cibi e vini da urlo, fra paesini di merletto e un clima in cui vi scorderete esistano umidità e nuvole).
La Notte della Taranta
merita il viaggio perché la pizzica è una tradizione ipnotica, perché il morso del ragno che ti cinge per ore di canti e balli non lascia rimorso, perché di occasioni che permettono d’avere una grande orchestra popolare fusa ad ospiti diversi e alle personalità dei maestri concertatori, in Italia, ne capitano meno dei morsi di ragno.

Undicesimo anno del festival realizzato dall’Unione dei Comuni della Grecìa Salentina e dall’Istituto Diego Carpitella con il sostegno di Provincia di Lecce e Regione Puglia, che si snoda per due settimane di spettacoli nelle varie cittadine e si conclude nel concertone a Melpignano con l’omonima orchestra.
Edizione 2008 dedicata a Pino Zimba che ha l’anteprima con gli antichi cantori testimoni della tradizione salentina, e poi vede alternarsi sul palco, con l’orchestra di quaranta elementi, le voci che la Puglia ha tirato fuori dal cappello in questi ultimi anni, terra feconda e riapparsa al sole fra turismo, orgoglio delle radici e una nuova leva di artisti: dai vellutati Radiodervish alla foga dei Sud Sound System, al duetto fra Après La Classe e Caparezza.

Con loro, Vinicio Capossela sul finale (in una versione più che mai adatta de Il ballo di San Vito) e i due special guest internazionali, che forse più di tutti, per generosità e classe, hanno dimostrato il senso dell’incontro fra lingue e strumenti: Richard Galliano e Rokia Traorè.
A portare gli extra-pugliesi e a dirigere la compagine, maestro concertatore al secondo anno di bacchetta Mauro Pagani (assistente Mario Arcari), la cui mano su repertorio e arrangiamenti, fra tamburelli e passaggi obbligati, s’è vista ogni tanto far prender il volo a tutti su più ampi orizzonti progressive-mediterranei.
Maglia del Lecce indosso, centocinquantamila facce ballanti, sul mantrico “larilòllarilòllallero” (vortice del classico Kali Nitta eseguito all together now) si è chiusa la nottata pizzicata – aprendo quell’altra spontanea per le strade nei suffumigi della lunga, vivace, mordace, terra salentina.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2008-08-23
  • Luogo: Melpignano (LC)
  • Artista: La Notte della Taranta 2008

Altri articoli di Giorgia Fazzini