ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Le Scimmie, Milano

Morgan


Un pianoforte in penombra. Marco Morgan Castoldi si palesa, e con quella sua aria trasognata ci si siede davanti e armeggia con gli spartiti che si è portato dietro. È simpatico e disponibile mentre decide con cosa aprire il suo “Solo Recital”. Poi partono le prime note di Contro me stesso, appartenente al suo “Da A ad A” del 2007, e lui diventa un tutt’uno con quei tasti bianchi e neri, mentre il locale viene completamente avvolto dalla sua voce, che stasera è sicura e potente.
Ci dà il benvenuto con un pezzo tutto suo, ma da subito le intenzioni di questo genio sregolato appaiono chiare a tutti, tra omaggi profusi ai più grandi cantautori di casa nostra ed esecuzioni di canzoni del miglior repertorio estero, di star mondiali che, con il nostro, spartiscono emozioni e ideologie.
E così, come tante piccole perle, Morgan snocciola L’avvelenata di Francesco Guccini, Life on Mars di David Bowie, When You’re Smiling che fu di Frank Sinatra prima e Louis Armstrong poi, per soffermarsi su Fabrizio De Andrè, con Un ottico e Un giudice nella sua personalissima versione, già propostaci con la rivisitazione di “Non al denaro non all'amore nè al cielo” del 2005. Dei Bluvertigo al completo ci propone la sempre attuale L’assenzio, e, di nuovo di Morgan in versione solista, con Animali familiari.
Tra il pubblico c’è l’amico Andrea Rodini, il vocal coach che lo accompagna nel programma tv “X Factor”, e come spesso accade durante i suoi show, si dà il via a un duetto voce – piano con  La notte di Salvatore Adamo  e Un anno d’amore, a suo tempo interpretata da Mina.
Lo spettacolo riprende con altri pezzi, classici e non, e, degno di ulteriori note a margine di una scaletta completa e colta, il tributo a Francesco De Gregori con La leva calcistica della classe ‘68 e Rimmel.
Quello che si può appuntare allo spettacolo di questa sera è il trambusto familiare in cui il tutto si è svolto. Le Scimmie è un piccolo club con una solida tradizione musicale alle spalle, ma non è inconsueto dover evitare il via vai degli avventori e il loro chiacchiericcio, al liminale tra uno straniamento quasi cinematografico e un brusco richiamo alla realtà più caotica. Comunque Marco Castoldi, o Morgan che dir vogliate, in queste vesti è stato veramente ipnotico.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2009-02-24
  • Luogo: Le Scimmie, Milano
  • Artista: Morgan

Altri articoli su Morgan

Altri articoli di Angela De Simone