ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

PalaFuturShow, Casalecchio di Reno (BO)

Negrita


Ultima data italiana del tour invernale dei Negrita, prima di vederli live per la prima volta in terra straniera, a Londra per la precisione. In un PalaFuturShow ricettivo al massimo, la band ha dato tutto per dimostrare di essere all’altezza di quindici anni passati a macinare palchi su palchi, in un’escalation di pubblico, dai piccoli pub ai palazzetti.
Gli si può dire qualsiasi cosa, che da “Hey Negrita!” non ci sono più i vecchi Docs o che sia “L’uomo sogna di Volare” che “Helldorado” hanno abbandonato quella vena “cattiva” degli inizi, ma viversi un loro live, possibilmente dalle transenne o nel centro del pogo, dimostra solo una cosa: la loro contagiosa energia la ritroviamo tutta in ogni concerto, ed è inutile negarlo: i Negrita sono e saranno sempre dei veri animali da palco.

Nella scaletta, la parte del leone l’han fatta com’è ovvio le canzoni contenute nell’ultimo album, con le uniche eccezioni di Muoviti! e Brother Joe, e con qualche chicca che riportava alle origini, come Halleluja o la morrisoniana Peace Frog. Una serie di ventisette pezzi che mirava essenzialmente a tirar fuori la grinta e la voglia di cantarne quattro – e anche di più in questo caso – a chi di dovere, o a chi per dovere dovrebbe e potrebbe far qualcosa per cambiare lo stato di stallo in cui versa questa società.

E così, tra proiezioni e voci fuori campo, su Halleluja l’agente Smith di Matrix ci avverte: “Tutti i mammiferi di questo pianeta d'istinto sviluppano un naturale equilibrio con l'ambiente circostante, cosa che voi umani non fate...E l'unico modo in cui sapete sopravvivere è quello di spostarvi in un'altra zona ricca. C'è un altro organismo su questo pianeta che adotta lo stesso comportamento, e sai qual è? Il virus. Gli esseri umani sono un'infezione estesa, un cancro per questo pianeta: siete una piaga” che nel film continua con un “e noi siamo la cura”...e nella realtà?

Due intervalli e due ripartenze sempre al cento per cento, con Magnolia e Cambio. Pezzi sempre amati e sempre coinvolgenti, a differenza della doppietta Che rumore faRotolando verso sud che la sottoscritta poco tollera, soprattutto se senza pause.
Una chicca per chiudere questa tranche di concerti: la tanto amata Transalcolico, fino a questo momento eliminata dalla scaletta, è rientrata prepotentemente a fare la parte del leone, con un palazzetto soddisfatto e scatenato. E un finale beneaugurante con Gioia Infinita e la speranza di ritrovare un pò di se stessi in un viaggio, soprattutto mentale, con “scosse forti all’anima”. E non potrebbe essere altrimenti.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2009-02-28
  • Luogo: PalaFuturShow, Casalecchio di Reno (BO)
  • Artista: Negrita

Altri articoli su Negrita

Altri articoli di Angela De Simone