ultime notizie

Nada alla Milano Music Week

di Maria Macchia La paura via da sé e i pensieri brillano: un titolo incoraggiante, di buon auspicio, quasi “motivazionale”, quello dell’ultimo album di Nada. La cantautrice livornese è stata ...

PalaFuturShow, Casalecchio di Reno (BO)

Negrita


Ultima data italiana del tour invernale dei Negrita, prima di vederli live per la prima volta in terra straniera, a Londra per la precisione. In un PalaFuturShow ricettivo al massimo, la band ha dato tutto per dimostrare di essere all’altezza di quindici anni passati a macinare palchi su palchi, in un’escalation di pubblico, dai piccoli pub ai palazzetti.
Gli si può dire qualsiasi cosa, che da “Hey Negrita!” non ci sono più i vecchi Docs o che sia “L’uomo sogna di Volare” che “Helldorado” hanno abbandonato quella vena “cattiva” degli inizi, ma viversi un loro live, possibilmente dalle transenne o nel centro del pogo, dimostra solo una cosa: la loro contagiosa energia la ritroviamo tutta in ogni concerto, ed è inutile negarlo: i Negrita sono e saranno sempre dei veri animali da palco.

Nella scaletta, la parte del leone l’han fatta com’è ovvio le canzoni contenute nell’ultimo album, con le uniche eccezioni di Muoviti! e Brother Joe, e con qualche chicca che riportava alle origini, come Halleluja o la morrisoniana Peace Frog. Una serie di ventisette pezzi che mirava essenzialmente a tirar fuori la grinta e la voglia di cantarne quattro – e anche di più in questo caso – a chi di dovere, o a chi per dovere dovrebbe e potrebbe far qualcosa per cambiare lo stato di stallo in cui versa questa società.

E così, tra proiezioni e voci fuori campo, su Halleluja l’agente Smith di Matrix ci avverte: “Tutti i mammiferi di questo pianeta d'istinto sviluppano un naturale equilibrio con l'ambiente circostante, cosa che voi umani non fate...E l'unico modo in cui sapete sopravvivere è quello di spostarvi in un'altra zona ricca. C'è un altro organismo su questo pianeta che adotta lo stesso comportamento, e sai qual è? Il virus. Gli esseri umani sono un'infezione estesa, un cancro per questo pianeta: siete una piaga” che nel film continua con un “e noi siamo la cura”...e nella realtà?

Due intervalli e due ripartenze sempre al cento per cento, con Magnolia e Cambio. Pezzi sempre amati e sempre coinvolgenti, a differenza della doppietta Che rumore faRotolando verso sud che la sottoscritta poco tollera, soprattutto se senza pause.
Una chicca per chiudere questa tranche di concerti: la tanto amata Transalcolico, fino a questo momento eliminata dalla scaletta, è rientrata prepotentemente a fare la parte del leone, con un palazzetto soddisfatto e scatenato. E un finale beneaugurante con Gioia Infinita e la speranza di ritrovare un pò di se stessi in un viaggio, soprattutto mentale, con “scosse forti all’anima”. E non potrebbe essere altrimenti.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2009-02-28
  • Luogo: PalaFuturShow, Casalecchio di Reno (BO)
  • Artista: Negrita

Altri articoli su Negrita

Altri articoli di Angela De Simone