ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Auditorium Parco della Musica (Teatro Studio), Roma

Marcosbanda


La rassegna “Generazione X”, giunta alla quarta edizione, ha come obiettivo quello di proporre i migliori talenti del panorama italiano emergente. E difficilmente sbaglia mira. Scommessa vinta anche con i romani Marcosbanda – gruppo di cinque elementi che può già essere considerato più di una promessa (ne loro palmares anche una vittoria al nostro concorso L’Artista che non c’era) – che hanno dato vita a un set coloratissimo, epidemico, pieno di gioia creativa. A tenerli a battesimo sul palco del Teatro Studio dell’Auditorium una madrina d’eccezione: Cristina Donà.

Ma andiamo con ordine, anzi, vale la pena fare un passo indietro e spendere una riga per l’opening act affidato a Mirella Lipari, che in poco più di venti minuti è riuscita a mostrare una voce ferma e vellutata che non ha concesso un millimetro all’emozione. Batticuore che ha invece ingessato l’inizio del concerto dei Marcosbanda, che hanno dovuto calare subito uno dei loro assi, la funambolica Dragau, per sciogliersi e trovare il giusto feeling tra di loro e soprattutto con il sold-out che avevano di fronte. Da lì in avanti è stato un autentico piacere ascoltare il rock di Marco Panetta e sodali, intriso di bossa, colmo di spunti fantasiosi, triangolazioni perfette e gusto infinito per i suoni che sanno di fusion tirata a lucido per i tempi odierni. A metà serata sale sul palco a sorpresa Paolo Belli, il quale duetta con la band in Una piccola bestia di razza di cane e lascia un lusinghiero complimento a Panetta: «mi dai le stesse emozioni del primo De Gregori».

Testi azzeccati, sorrisi amari, battute coinvolgenti tra un brano e l’altro rendono Marco, oltre che bravo, simpatico e amichevole. Un paio di cover ben assestate – Un giudice di De André con un arrangiamento sontuoso e Impressioni di settembre della PFM eseguita col giusto piglio – completano una scaletta che strappa consensi accorati. Quando poi è la volta di Cristina Donà l’aria diventa elettrica. In molti aspettavano solo questo momento. Canta Goccia insieme alla Marcosbanda, poi è magnifica in Universo e diventa imprendibile nella cover di Sign Your Name di Terence Trent D'Arby. Nei confronti della band qualche complimento e un monito: «vivete in un Paese che non rende la vita facile ai musicisti».

Prima di salutare Panetta ringrazia per la serata «indimenticabile», il pubblico lascia con pigrizia il Teatro Studio; è domenica sera, ma per un paio d’ore gli spettri del lunedì lavorativo sono rimasti ingabbiati in un vortice di emozioni e sorprese.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2009-03-15
  • Luogo: Auditorium Parco della Musica (Teatro Studio), Roma
  • Artista: Marcosbanda

Altri articoli su Marcosbanda

Altri articoli di Roberto Paviglianiti