ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Teatro Verdi, Milano

Pacifico


Teatro Verdi esaurito per l’appuntamento milanese del tour di Pacifico iniziato dopo la pubblicazione in gennaio del suo quarto album “Dentro ogni casa”. Molti gli spettatori in piedi; stessa situazione si era verificata, sempre a Milano presso la Feltrinelli di Piazza Piemonte, in occasione dell’uscita del cd. Sul piccolo palco Pacifico aveva come presentatore Fabio Volo, che sembrava essere lì anche per supportare l’amico cantautore. La presenza di Volo fu certo molto apprezzata dal pubblico, ma già allora non era necessaria; Gino De crescenzo, «papà napoletano / un quarto brasiliano / Pacifico=Milano» (Pacifico), sa muoversi sul palco e presentarsi con una gestualità, parole e musica sue, molto personali. Ironico ed autoironico, nel tempo ha saputo trovare una modalità di comunicazione e dialogo con il pubblico proprie. Ed certo l’ironia la chiave di accesso al mondo che rappresenta sul palco: scenograficamente arredato con lampade da tavolo, tanti palloncini colorati disseminati qua e là, pronti a volare via se un filo non li tenesse legati alla realtà e con, a lato del palco, un angolo per conversare, dove su un tavolino sono poggiati un fornellino elettrico, un paio di tazzine e la macchinetta per il caffè. Caffè che durante la serata Gino preparerà, consumerà con la complicità di uno spettatore, il cui profumo «è un bosco odoroso e fangoso/ è misterioso… Abitato» (Caffè) e si estenderà, quasi fosse un’onda, fino alle ultime file della platea. La costruzione di una dimensione intima o comunque appartata, che non esclude ma desidera raccogliere pensieri, conversazioni con l’altro come con se stessi, una rappresentazione che rimanda certo alle atmosfere del disco che presenta, ma anche da sempre all’universo musicale di Pacifico. Sul palco il Nostro propone di sé sempre la parte di un giovane, ma ormai non troppo!, cui la natura sembra essere stata poco generosa quanto a fascino maschile, «l’esperienza emozionale più lontana dall’euforia!» e confida nella capacità del pubblico di andare oltre e di cogliere quanto egli desideri comunicare in termini di “visione” della realtà. L’attenzione alla storia, come racconto che sostiene le tracce di un album, ma anche la storia individuale, personale, quella “storia” che la cronaca racconta nei fatti e dietro la quale si pone sempre il vissuto. Durante il concerto la dimensione musicale non si costruisce intorno a questi elementi, bensì ne  è il fondamento. Alberto Fabris (contrabbasso ed elettronica), Gianluca Mancini (pianoforte) e Antonello Leofreddi (viola) reggono il gioco sia nei momenti di compiaciuta ironia che, e soprattutto, nel discorso musicale stesso sostenendo la sua voce. Voce tanto messa in discussione e che ora finalmente appare (ri)trovata quando, cadute le barriere dell’insicurezza, si dispiega nel piacere del cantare. Quella voce ora più vicina al suo tono parlato che diventa “cifra” di Pacifico; quella voce che quando duetta con Frankie Hi Nrg in Anima nera o con Petra Magoni in Caffè o con Gianna Nannini “impronta vocale”! in Tu che sei parte di me o ancora con Malyka Ayane in Verrà l’estate acquista forza per il puro piacere, ma che ora dimostra di ricavare lo stesso piacere anche quando, sola con se stessa, è sostenuta questa volta dal pubblico. Nel tempo questo Autore si è scoperto, il pubblico si è appassionato al suo modo di raccontare  la quotidianità un po’ di scorcio, dall’alto o attraverso un dettaglio con una musica raffinata nella costruzione, elegante nelle sonorità che nel tempo si è avvalsa di importanti e anche storiche collaborazioni e che «salterà i muri/ le cancellate/ starà nei pozzi, in fondo ai corridoi/ E verrà a prenderti e a portarti fuori» (Verrà l’estate). A Pacifico diciamo: per non perderne l’abitudine, val la pena scattare una fotografia!

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2009-03-03
  • Luogo: Teatro Verdi, Milano
  • Artista: Pacifico

Altri articoli di Paola Piacitelli