ultime notizie

Nada alla Milano Music Week

di Maria Macchia La paura via da sé e i pensieri brillano: un titolo incoraggiante, di buon auspicio, quasi “motivazionale”, quello dell’ultimo album di Nada. La cantautrice livornese è stata ...

Teatro Libero, Milano

Moni Ovadia con Carlo Boccadoro

Il periodo di crisi, economica e di valori, fa sì che l'urgenza civile e di denuncia prenda comprensibilmente il sopravvento sulla forma artistica, pur senza soffocarla. È ciò che accade allo spettacolo di Moni Ovadia, che assume lungo il suo generoso svolgimento (quasi tre ore) l'aspetto di un monologo, di un comizio, di una conversazione tra amici (complice il luogo raccolto), di un concerto, di una lezione di storia. Le vicende dell'Unione Sovietica, dalla sua nascita al suo tramonto, ed oltre, fino ai giorni nostri, costituiscono l'ossatura principale dello spettacolo. Ci accompagna in questo viaggio lungo un secolo l'ebreo Rabinovich, che è di volta in volta un popolano, un arricchito, un bambino in un'aula scolastica o un anziano ad una manifestazione. Ma sempre con l'immancabile e tagliente ironia che caratterizza i personaggi di Ovadia, capace di osservare con il distacco dello humor le miserie dell'uomo e della storia, di darne una visione dolente eppure arguta. Di tanto in tanto questo distacco tuttavia si assottiglia e l'urgenza prende il sopravvento, e con essa lo sdegno, seppur senza mai sopraffare l'arte. Nascono così battute sulla quotidianità della politica italiana, sul nostro presidente del Consiglio e sulla politica internazionale. E anche l'amarezza ha modo di esprimersi.

Nella lunga narrazione trovano spazio grandi personaggi, come Lenin (per il quale è chiara l'ammirazione di Ovadia), dallo splendore della sua personalità tanto umile quanto rivoluzionaria all'orrore del suo mausoleo attraverso il quale Stalin, altro grande, ma in negativo, dell'Urss, ha potuto costruire la sua religione laica. Nel buio degli anni dello stalinismo proliferano, clandestine, delle voci limpide e poderose, come quella del cantautore Vladimir Visotskj. Moni Ovadia lo rievoca cantando le sue parole, con la sua voce potente e espressiva, che sola basta ad emozionare. Nonostante la lunghezza dello spettacolo, l'attenzione e la partecipazione del pubblico non vengono mai meno, a dimostrazione della capacità di narratore di Ovadia, con la sua naturale tendenza all'iperbole.

Complice musicale dell'attore, il pianista Carlo Boccadoro, che accompagna Moni Ovadia e che si prende meritatamente la scena in due occasioni: quando esegue un brano di Mauro Montalbetti e la sorprendente “Sette pezzi nani”, inedito composto per lo spettacolo da Nicola Campogrande, divertente e lieve, che mette in risalto l'ironia del pianista, oltre alla sua peraltro risaputa bravura.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2009-11-09
  • Luogo: Teatro Libero, Milano
  • Artista: Moni Ovadia con Carlo Boccadoro

Altri articoli di Alessia Cassani