ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Teatro Augusteo, Napoli

Stefano Bollani & Irene Grandi


Nel serbatoio delle frasi da luogo comune scovo “Il ragazzo è bravo, ma non si applica”. Ora, consideriamo che un povero recensore deve fare i conti con l’ingrata – seppur necessaria – missione della sintesi e che un po’ di provocazione può dare gusto alla recensione di un concerto. Accettato il gioco, diremo che la frase da luogo comune non s’allontana tanto dal giudizio che merita il concerto tenuto da Stefano Bollani e Irene Grandi al Teatro Augusteo di Napoli. Certo, qualche differenza c’è: Bollani non è bravo, è bravissimo. E dire che non si applichi è quanto meno irriguardoso per la qualità del lavoro che porta avanti da anni. Però, però… I dubbi vengono tutti, quando la bravura del pianista la si è osservata e goduta fino in fondo in altre occasioni.
Chi conosce bene Stefano Bollani sa infatti che, con quel pianoforte solitario illuminato sul grande palco dell’Augusteo, può fare brillare qualunque cosa, dal serio al faceto. E all’inizio i lampi non mancano, quando viaggia da Chick Corea alla musica brasiliana, passando per gli standard jazz, mettendoci la propria impronta. Ma quando arriva Irene Grandi finisce il breve incanto, e non certo per mancanza di bravura. I due ripropongono una selezione per niente ruffiana di cover – da Caetano Veloso a Pino Daniele, passando per Miguel Bosè (!) – ma la proposta è comunque polverosa. Ci sono sicuramente una bella voce e un bravo pianista, ma chi scommetterebbe che si trattano di Bollani e Irene Grandi? È irriverente sospettare che i due si siano accontentati di adagiarsi sul proprio talento – senza metterci troppo impegno nel creare uno stile, uno stampo, un segno distintivo – ma purtroppo assai lecito. E se le risate provocate dai noti siparietti di Bollani possono addolcire la serata, facendo sicuro effetto su chi Bollani non lo conosceva, a chi s’aspettava il meglio di lui resta un po’ d’amaro in bocca. Soprattutto se si pensa al salatissimo prezzo del biglietto e al fatto che lo spettacolo sia durato un’ora e mezza, di cui almeno quindici minuti fra battute di spirito e applausi. Un po’ pochino, no?

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2009-04-06
  • Luogo: Teatro Augusteo, Napoli
  • Artista: Stefano Bollani & Irene Grandi

Altri articoli di Antonio Piccolo