ultime notizie

Note d’Autore: l’omaggio a ...

di Andrea Direnzo Tanti suoi brani sono hit planetarie, molti altri fanno parte della memoria collettiva musicale del nostro Paese. L’elenco sarebbe davvero lungo e finirebbe per togliere spazio ...

Auditorium Parco della Musica, Roma

Generazione X: Giovanni Truppi + Naïf Hérin + Paola Turci

La serata finale della manifestazione si apre con la performance di Giovanni Truppi, cantautore napoletano che propone una manciata di brani dal suo cd d’esordio “C’è un me dentro di me”.


Subito dopo sul palco arriva la carica dirompente della giovane Christine Hèrin, in arte Naif, valdostana tutta pepe che ormai si fa fatica a chiamare emergente, in quanto la prova che ha offerto è di assoluto livello, tanto più che si appresta a conquistare il mercato d’oltralpe grazie ad un cd in lingua francese di prossima uscita e una partecipazione a Taratata , il programma musicale più prestigioso di Francia. Naif ha rinnovato la band aggiungendo chitarra, basso e tastiera, prediligendo un sound meno elettronico e più rock. Dosando magistralmente la grande capacità di tenere il palco e di coinvolgere il pubblico e la vena intimista, dà vita ad un concerto incentrato sulle canzoni tratte dal primo lavoro autoprodotto “È tempo di raccolto” tra cui spiccano “Io sono il mare”, “No” e “Faites du bruit” che è il singolo più recente. La giovane valdostana però si cimenta in maniera egregia anche nella rilettura di alcuni classici come “Il cielo in una stanza” o “Just a gigolò”.


A metà serata arriva la madrina, Paola Turci, che racconta di essere rimasta colpita da Naif durante l’ultima edizione di Musicultura. Insieme hanno cantato chitarra e voce una versione intima di “Attraversami il cuore”. Tempo per un’altra canzone della Turci e poi è di nuovo Naif a traghettare gli spettatori verso la fine della serata, offrendo un’ altra chicca: una rilettura dell’indimenticabile successo di Edith Piaf, “Non, je ne regrette rien”. Il pubblico applaude a scena aperta questa giovane performer, autrice originale e prolifica, che sta crescendo sempre di più con le sue sole forze perché la discografia “che conta” pare non essersi ancora accorta di lei. Generazione X chiude con un bilancio positivo. Unico neo: cinque concerti di fila penalizzano gli artisti, si auspica il ritorno alla cadenza mensile.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2010-01-27
  • Luogo: Auditorium Parco della Musica, Roma
  • Artista: Generazione X: Giovanni Truppi + Naïf Hérin + Paola Turci

Altri articoli di Martina Neri