ultime notizie

Chrysalis è il nuovo singolo dei ...

di Giampiero Cappellaro Tornano i biVio, formazione nata a Parigi nel 2018 dall’incontro della cantante Natalia Bacalov, figlia del noto compositore Luis Bacalov (e madre di origine italiana), e ...

Magazzini Generali, Milano

Goblin

Goblin… all’inferno e ritorno

Sono stati probabilmente una delle principali band progressive italiane degli anni ’70, poi l’incontro, in realtà quasi casuale, con il regista Dario Argento, li fece diventare i padri fondatori delle colonne sonore horror; riuscirono in questo modo, con il loro inconfondibile approccio “gotico” in chiave rock, a connotare in modo decisivo le pellicole di cui realizzarono i commenti musicali.

Si possono considerare, insomma, dei veri e propri capi scuola.

Hanno realizzato successivamente alcuni album importanti attraverso i quali hanno approfondito il loro suono anche al di là delle colonne sonore dopodichè, nel 1978, il primo scioglimento, cui fece seguito una lunga serie di riunificazioni, totali o parziali, ed ulteriori split, che li ha condotti fino all’estate del 2010…

I Goblin non suonavano a Milano da più di trent’anni, ed il loro ritorno sulle scene, ai Magazzini Generali, è stato a dir poco deflagrante; pur senza una campagna pubblicitaria particolarmente martellante il folto pubblico presente ha potuto assistere ad uno spettacolo assolutamente adrenalinico.

Claudio Simonetti, tastiere e voce, Massimo Morante, chitarre e Maurizio Guarini, tastiere, ovvero tre dei cinque membri “storici” della band, coadiuvati da Bruno Previtali, basso e Titta Tani, batteria, già da dieci anni con Simonetti nei Daemonia, hanno dimostrato che la loro musica è davvero senza tempo, non subisce le mode ma dopo averle, di fatto, create, regge alla grande al passare del tempo; simpaticamente Morante e Simonetti, nella conferenza stampa del giorno successivo, dovranno ammettere che, si, forse erano proprio “avanti” di vent’anni…

Suoni fedelissimi ai brani originali, su tutti il basso Rickenbacker, La Gibson L-6 di Morante e l’inconfondibile Mini Moog, una ritmica tirata a lucido e la sequenza di riff storici che hanno “terrorizzato” generazioni di appassionati: Profondo Rosso, ovviamente, ma anche Roller, Witch, Mad Puppet, Phenomena, Tenebre, Goblin, Zombi, Suspiria, E suono rock, Acquaman/Non ho sonno.

Quasi due ore di spettacolo, senza la necessità di effetti speciali particolari, perché ogni nota ascoltata rimandava pressochè automaticamente alle scene viste sugli schermi, una band davvero in forma, pronta a proseguire il tour iniziato in Polonia nell’autunno del 2010: prossimamente saranno a Roma, poi due date in Gran Bretagna, Gateshead e Glasgow, ed ancora Lecce, e poi Berlino, come headliner.

Erano anni che questa reunion veniva vagheggiata, perché l’interesse verso questo gruppo non è mai venuto meno, non solo in Italia ma, forse, soprattutto all’estero, dove sono divenuti una band di culto, e dove numerosisime band di primo piano, gli Opeth su tutti, hanno citato i Goblin per la loro influenza musicale sulla propria formazione.

Dopo questo sabato sera così “energetico”, una domenica sera più rilassata al Bloom di Mezzago dove, dopo una chiacchierata moderata da Matthias Scheller e Renato Scuffietti, conduttori della trasmissione “From Genesis to Revelation” su Radio Popolare, Simonetti e Morante hanno conversato a lungo con i fans, scambiato opinioni, raccontato aneddoti, firmato autografi, scattato fotografie, ammirato i memorabilia, dischi, poster, musicassette, cd che alcuni collezionisti hanno messo in esposizione, il tutto con una cortesia ed una disponibilità quasi “esagerate”.

Un bel week-end, dunque, vissuto a cavallo fra nostalgia, ricordi, e la consapevolezza che, si, i Goblin sono tornati, sono in gran forma, hanno voglia di suonare e ricominciare ad essere protagonisti; tra l’altro hanno anche annunciato che, fra qualche mese, uscirà il loro nuovo lavoro che, oltre ai loro brani storici rivisitati dalla nuova formazione, conterrà sei pezzi inediti.

Riannodati i fili, riallacciati i contatti, riappropriatasi del proprio nome e della propria storia, la band romana si rituffa nel mondo musicale italiano, e le prime bracciate sono davvero entusiasmanti.

[Report fotografico a cura di Roberta Genovesi e Andrea Romeo]

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2011-02-12
  • Luogo: Magazzini Generali, Milano
  • Artista: Goblin

Altri articoli di Andrea Romeo