ultime notizie

Il cielo sotto Berlino, nuovo brano ...

Una canzone per ricordare, a 30 anni dalla caduta del Muro. Nuovo brano di Christian G. feat. LastanzadiGreta “Il cielo sotto Berlino” sarà scaricabile e ascoltabile a partire dal 15 ...

Auditorium Parco della Musica (Sala Petrassi), Roma

Joe Barbieri

Un brusio discreto inonda la Sala Petrassi, questa sera; un vociare lieve di sorrisi e chiacchiericci impazienti. Biglietti alla mano acquistati in largo anticipo, il pubblico romano accoglie l’ingresso sul palco di Joe Barbieri con il consueto, intenso calore, liberando un entusiasmo coltivato e cresciuto in due anni di attesa. Per un genere di musica così raffinato, di questi tempi tutto ciò è un piccolo miracolo che solo un angelo della canzone come Joe Barbieri può far accadere: un’ala è la sua voce, Leggera come il brano donato a Giorgia, trasparente come il pezzetto di pensiero che in Normalmente si stacca da lui per volare nel respiro dell’aria; e come un Respiro, appunto, che nasce spontaneo e si espande libero, è il suo ultimo disco. Lui abbraccia la sua chitarra, circondato dai fedelissimi musicisti Antonio Fresa (pianoforte), Sergio Di Natale (batteria), Giacomo Pedicini (contrabbasso) e Stefano Jorio (violoncello), e a dare fiato a tromba e flicorno Gianfranco Campagnoli. Tutto è pronto per un breve viaggio senza tempo, che ha radici nella storia della grande musica, italiana e non solo, e segue il filo ininterrotto passato prima per “In parole povere” e poi per “Maison Maravilha”. Le spezie di Zenzero e cannella – che contiene anche “pepe”, “paprika”, “vaniglia”, “chiodi di garofano”, “curcuma e coriandolo” – inaugurano il suo ultimo lavoro e aprono il concerto. Non a caso, perché di ingredienti qui ve ne sono tanti. L’incedere dei suoni e dei ritmi – a tratti – ha il gusto dell’estate, fresco, profumato, ricco di colori come i fiori sul booklet dell’album: l’ironia di Diamoci del tu, Le milonghe del sabato – quasi un omaggio a Paolo Conte che nel disco è un duetto con Gian Maria Testa – e il sapore di operetta de Il balconcino del quinto piano (“La peonia si pavoneggia sul davanzale in abito da sera...”). A tratti, invece, la tenerezza dolorosa di una perdita si insinua tra le parole e i suoni: “Se ti ho perduta così/scusami” (Scusami), “Bevo dal lato del bicchiere in cui hai bevuto tu/l’istante prima di essertene andata via” (Un regno da disfare, nel disco con Stefano Bollani), “Vane le sere appese a un filo/vane le scene di questo addio/vana la forma che non ha sostanza” (Sostanza e forma). Si assaggia poi anche un po’ di quell’anima nostalgica partenopea che sa esprimersi solo nella sua lingua madre: “Parlame n’ata vota comme ajere/che ogni parola era promessa antica/che ogni suspiro nun me pareva overo” (‘E vase annure, nel disco con Fabrizio Bosso). Nel mezzo, in ordine sparso, Joe Barbieri infila perle raccolte dagli album precedenti, come Malegrìa, Lacrime di coccodrillo, In questo preciso momento, La nuda verità; e a chiudere, una vera “sigla finale” d’annata, ma alleggerita con spirito e ritmo, firmata Calabrese-Calvi: “Finisce qui, non ci rimane che concludere...”.

 

Scaletta

01. Zenzero e cannella

02. Fammi tremare i polsi

03. Diamoci del tu

04. Scusami  

05. Leggera

06. Gira e rigira

07. Malegrìa

08. E vase annure

09. Fa’ conto

10. Sia

11. La nuda verità

12. Il balconcino del quinto piano

13. Sostanza e forma

14. Pura ambra

15. Le milonghe del sabato

16. In questo preciso momento

17. Lacrime di coccodrillo

18. Etape par étape par étape

19. Normalmente

20. Wanda stai seria con la faccia (cover di Conte)

21. Microcosmo

22. Finisce qui, non ci rimane che concludere (cover Calabrese-Calvi)

 

Musicisti:

Joe Barbieri: voce e chitarra

Antonio Fresa: pianoforte

Sergio Di Natale: batteria

Giacomo Pedicini: contrabbasso

Stefano Jorio: violoncello

Gianfranco Campagnoli: tromba e flicorno

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2012-05-09
  • Luogo: Auditorium Parco della Musica (Sala Petrassi), Roma
  • Artista: Joe Barbieri

Altri articoli di Alessia Pistolini