ultime notizie

Note d’Autore: l’omaggio a ...

di Andrea Direnzo Tanti suoi brani sono hit planetarie, molti altri fanno parte della memoria collettiva musicale del nostro Paese. L’elenco sarebbe davvero lungo e finirebbe per togliere spazio ...

Padova, Piazza Eremitani

Eugenio Finardi

 

‘Euphonia’ è una lunga carezza sonora, una suite di circa cento minuti sulla quale si muovono le canzoni in una sequenza mutevole che si fonde ogni sera in modo diverso alla musica. Su un tappeto di note di pianoforte, danzano i fiati, e la voce iridescente di Eugenio Finardi si poggia sicura e da qui riprende il volo. Senza soluzione di continuità, senza prevedibilità, senza attesa del prossimo brano perché la musica non smette mai e il silenzio è solo quello incantato di un pubblico attento, assorto, immerso quasi in una sorta di meditazione. Perché la musica realmente non smette mai di accompagnarci: ci accoglie, ci culla, ci tiene per mano per tutta la vita nel suo alternarsi di alti e bassi, piani e forti, acuti e note profonde, come gli eventi che si succedono in un'esistenza. Il nuovo progetto di Eugenio Finardi, ‘Euphonia suite’, è un tour ma sarà presto anche un disco. Ed Euphonia è anche un gioco di parole tra il nome Eugenio e la definizione di “eufonia”, cioè l’armonico accostamento di suoni gradevoli all’orecchio, il tutto reso particolarmente intenso attraverso il jazz che si sovrappone, ridisegnandoli, al rock e al blues dei brani storici di Finardi.

 

La serata di Padova, nell'ambito del ‘Castello Festival’ si è svolta nella splendida cornice di Piazza Eremitani, con la Chiesa medioevale di lato e di sfondo il verde degli alberi. Un luogo dello spirito per un concerto che va oltre... il concerto, diventa un'esperienza che sfiora l'anima e scuote le emozioni più profonde. Una situazione piuttosto nuova per il pubblico del cantautore, che solitamente ascolta con attenzione e coinvolgimento anche le riflessioni e le lunghe introduzioni parlate dei suoi brani. In ‘Euphonia’ c'è solo la musica a far da padrona sul palco, tutto il resto è stato tolto, e le sole parole sono i testi delle canzoni. La scelta è stata quella di avere un dialogo emozionale tra i musicisti e il pubblico, pubblico che all'inizio sembra essere un po' sorpreso se non persino leggermente disorientato, ma questo è messo in preventivo, diciamo così, e infatti basta poco per lasciarsi prendere dalla magia.

All'inizio, tra una canzone e l'altra, non si ha ben chiaro quando si può applaudire, si rimane sospesi con le mani sollevate aspettando che si spengano le luci e taccia per un istante la musica, che invece prosegue, varia di tonalità, di intensità, ma non si interrompe mai. Dopo i primi brani però tutto diventa naturale, ci si immerge, si coglie il ritmo, si mettono in fila le sensazioni sull'onda dei ricordi che ogni canzone, dalle più note del suo repertorio a quelle di autori amati e reinterpretati, porta con sé. Le sonorità sono intense e scarne, laddove il pianoforte esplora con sapienza le possibili armonie, il sax soprano crea controcanti e atmosfere e la voce è quasi trattenuta, a volte sussurrata, duttile ma volutamente "poco cantata".

 

La chiave di questi concerti è quindi nell'intesa alchemica di Eugenio Finardi con Mirko Signorile (piano) e Raffaele Casarano (sax), con i quali il cantautore collabora da più di dieci anni, che si esprime in una continua ricerca del senso profondo della Musica e della sua straordinaria capacità di metterci in contatto con l’Assoluto Cosmico. La magia del progetto è nella possibilità di dare sollievo al quotidiano ed elevare verso una più alta consapevolezza. Se pensiamo che questo possa essere troppo ambizioso per delle "canzoni", allora il nostro invito è di partecipare senz'altro ad una di queste serate con lo spirito di chi vuol davvero confrontarsi con la propria intimità.
È anche per questo motivo che non sveleremo la sequenza dei brani, per lasciare allo spettatore la curiosità e il piacere di scoprire in prima persona quali emozioni andrà ad esplorare di volta in volta. Diciamo solo che il concerto si apre con Voglio e si chiude con Musica ribelle (ma forse no) e che nel frattempo si srotola un universo di note e di sensazioni che non si può davvero dire a parole.

le foto live sono di Valeria Bissacco
la foto in studio è tratta dal sito di Eugenio Finardi

Prossime date di Euphonia tour 2022 (in aggiornamento)

15/07 Augusta (SR)
23/07 Andria (BT)
03/08 Sogliano Cavour (LE)
10/08 Caccuri (KR)
25/08 Mesagne (BR)
27/08 Pineto (TE)


Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2022-06-30
  • Luogo: Padova, Piazza Eremitani
  • Artista: Eugenio Finardi

Altri articoli su Eugenio Finardi

Altri articoli di Valeria Bissacco