ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Nada

Il mio cuore umano

Nada in questo suo primo romanzo scava nel passato della sua famiglia alla ricerca delle proprie radici e, in questo cammino, presenta al lettore persone (più che personaggi) sospese in un passato più o meno remoto.
La bellissima e sofferente madre Viviana, dalla salute (mentale e fisica) fragile e dal temperamento instabile, ma, per certi aspetti, determinata e affascinante, Miria, la sorella maggiore, il dolce padre Gino, capace di dare serenità, il premuroso nonno Enrico, uomo di grande sentimento e l'indimenticabile nonna Mora: tutte queste figure (e molte altre) fanno parte della vita di una bambina – con i capelli rossi e il nome di una zingara – dal cuore delicato (in tutti i sensi) e dall'intelligenza acuta, servita da una (iper)sensibilità difficile da riscontrare. Si scopre così, fra pagine che scorrono veloci, la quotidianità di un paese, Gabbro, situato sulle colline vicino a Livorno, lontano dai grandi cambiamenti degli anni cinquanta e sessanta, dove la vita è scandita dal lavoro e dalle difficoltà e da piccole epifanie che mantengono viva la speranza in una realtà fatta di dolori veri.
In questo libro Nada si mette ancora una volta a nudo come le è spesso capitato nelle canzoni, soprattutto negli ultimi anni. E narra con maestria la sua storia sino a pochi mesi prima del grande debutto che la vedrà protagonista, quindicenne, del Festival di Sanremo, manifestando, dove possibile, il punto di vista della fanciulla rinchiusa in dolori più grandi di lei, costretta ogni giorno a fare i conti con l'assenza di conforti, ma non per questo incapace di vivere e di cogliere ogni sfumatura dei sentimenti perché graziata da quello sguardo sulle cose acuto e profondo che la porterà a sofferenze e consapevolezze. Sarà la voce e il carisma che rivelerà sui palchi (pur non desiderandoli) a portarla forzatamente lontano, con un distacco doloroso che non la libererà però dai suoi vuoti.
Una scrittura poetica e coinvolgente, ma sincera, in cui ritrovare quella nostalgia per un passato non necessariamente felice, ma autentico e affascinate, alimentato dai ricordi, in cui al fato viene riconosciuto un ruolo e non una casualità ed in cui è il cuore dolente – il cuore umano – ad essere il vero protagonista in grado di sentire, soffrire, amare e vivere.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Artista: Nada
  • Editore: Fazi
  • Pagine: 144
  • Anno: 2008