ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Liguori Gaetano

Non sparate sul pianista

Lui di mestiere ha fatto l’insegnante di pianoforte al Conservatorio di Milano. E, ovviamente, il musicista. Anzi, jazzista. Free jazz, innanzitutto, ma anche pianista dalle melodie “classiche” come ben espresse nel suo ultimo lavoro discografico Il giardino dei Giusti. Gaetano Liguori, napoletano giunto bambino a Milano, è da sempre un apprezzato artista, oltre che persona squisita, generosa ed appassionata e da qualche tempo ha deciso di aggiungere alle sue mille vite ed attività anche quella di scrittore.


Confesso che ho suonato, uscito due anni fa, ha avuto buone vendite e critiche sontuose tanto da esserne rimasto fortemente sorpreso in quanto le recensioni sono state abbondanti, ecumeniche (nel senso che ne hanno parlato bene da “Avvenire” al “Manifesto”, tanto per capirci. In quel libro Liguori ha raccontato la sua vita (anzi, le sue vite) di uomo e musicista, innamorato delle note e della cultura, della politica e della solidarietà, della Milano del passato e di quella odierna. Un viaggio appassionante che ha dato vita anche ad un film, Una vita in jazz girato dal bravo Valerio Finessi. L’editore Skira, probabilmente (e felicemente) sorpresa dal bel riscontro ricevuto da questa opera, ha deciso di concedere a Liguori di parlare di una delle sue grandi passioni; il cinema western.

Da qui è scaturito un altro libro, in questo caso un saggio su uno dei filoni storici del cinema americano (soprattutto). Non sparate sul pianista è un viaggio nel mondo dell’avventura, in una dimensione sospesa tra mito e realtà, dove le figure leggendarie di decine di personaggi a noi noti dall’infanzia si presentano a “riscuotere” il loro diritto a continuare la loro vita leggendaria. I personaggi storici come Wild Bill Hitchcock, Jesse James, Billy The Kid, Pat Garret si mischiano ai nomi degli attori e dei registi che hanno fatto il west. Da John Wayne a Glenn Ford, da James Stewart a Gary Cooper, da Henry Fonda a John Ford, da John Houston alla dinastia dei Carradine, da Sam Packinpah a Fred Zinneman.Senza dimenticare gli “eroi” del western all’italiana: Sergio Leone e Clint Eastwood (nella foto)…L’elenco è certamente lungo ed il libro di Liguori ha il pregio di raccontare tutto senza tralasciare neppure le briciole. E’ un viaggio appassionato, il suo, una sorta di cavalcata tra loosers e desperados, tra sogni e disperazione, tra la vita e la morte, tra praterie infinite e porte che si chiudono al futuro (vedi l’ultima immagine di quel grande film epico che è Sentieri selvaggi che rende meglio nel titolo originale il senso della storia: The searchers, i cercatori…). L’elenco delle storie e dei personaggi raccontati è davvero lungo ma questo libro non è un’enciclopedia bensì un libro fatto di passione: appassionato ed appassionante e renderà chiaro a tutti, arrivando all’ultima pagina, che non è opportuno sparare sul pianista…

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Artista: Liguori Gaetano
  • Editore: Skira Editore
  • Pagine: 224
  • Anno: 2016
  • Prezzo: 16.00 €