ultime notizie

Undicesima edizione del Premio Valentina Giovagnini

Pozzo della Chiana, Arezzo 14-15 Settembre 2019 Premio Valentina Giovagnini 2019  Per quanto ci si impegni a scrivere qualcosa a proposito del Premio Valentina Giovagnini, va subito detto che è un ...

Max Pezzali

Per prendersi una vita

Quattro compagni di liceo, dopo la maturità, decidono di intraprendere un viaggio a Londra, il primo da soli, in occasione di un concerto di Joe Strummer. Andrea, Marco, Gianluca e Adamo sono quattro diciottenni, molto diversi tra loro ma accomunati dal loro essere lontani dagli stereotipi dei loro compagni, quindi in un certo modo emarginati. Partono con la Mini di uno di loro, dandosi appuntamento davanti alla scuola e confidando nei pochi mezzi a disposizione. Il viaggio è ricco di esperienze e di incontri, occasioni per avvicinare i quattro tra loro molto più di un anno sui banchi di scuola, e dovrebbe simbolicamente segnare il loro passaggio dall’adolescenza alla vita adulta, come ci si potrebbe aspettare. Si dorme dove capita, ci si arrangia, ma durante tutto il percorso si avverte la sensazione che qualcosa dovrà accadere. E qualcosa accade, in verità, ma segnerà molto più di un passaggio: un segreto che legherà i ragazzi per la vita, e che li porterà ad intraprendere lo stesso viaggio vent’anni dopo. Vent’anni che trascorrono costruendo ognuno la propria vita tra successi ed insuccessi, senza particolari contatti tra loro se non, appunto, un tragico vincolo che li lega e del quale nel frattempo non hanno più parlato. I ragazzi sono diventati adulti, ognuno con una propria storia familiare, sono cambiate le esigenze, muoversi in auto sarebbe ormai improponibile e si opta per l’aereo, si dorme in hotel, una stanza a testa... e ti viene da chiedere se si tratta davvero delle stesse persone di allora, ormai quasi estranei se non ci fosse quel segreto segnato nelle loro coscienze oltre che sulla loro pelle, per via di un vecchio tatuaggio fatto ad Amsterdam durante una tappa di quel viaggio: quattro assi, una carta diversa per ognuno di loro e l’esigenza di ricomporre in qualche modo questo poker per chiudere simbolicamente un cerchio.

Per prendersi una vita
è il primo romanzo di Max Pezzali, che siamo abituati a conoscere in un'altra veste, ed è una piacevole sorpresa. Un romanzo di formazione, definiamolo tranquillamente così: una storia a tratti cruda, un’esperienza che, per quanto inventata (inventata quanto? Anche qui la domanda sorge spontanea), è talmente ricca di sensibilità e di passione che sembra quasi di condividerla mentre si legge. Un unico difetto: finisce troppo presto. Ma non aspettiamoci un seguito, è giusto che la storia finisca così.  Piuttosto, aspettiamo magari un altro romanzo.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Artista: Max Pezzali
  • Editore: Baldini Castoldi Dalai
  • Pagine: 219
  • Anno: 2008