ultime notizie

Domenica è il nuovo singolo di ...

  La data scelta per l’uscita di questo nuovo singolo non è una data a caso. Infatti, scegliere il 1° maggio non può che rafforzare il messaggio che il brano Domenica ...

Riccardo Storti

Rock Map – Viaggio in Italia dal 1967 al 1980

Nel 1967 il beat aveva ormai concluso la sua parabola, il 1980 segnava, almeno dal punto di vista dei “grandi numeri”, la fine del punk, l’inizio della new wave, la mutazione dell’hard rock in heavy metal: insomma, un gran numero di fenomeni in movimento: ma in mezzo?

Già, in mezzo: la fine degli anni ’60 ed il rapido dipanarsi dei ’70, un periodo multiforme e creativo in cui, almeno nella prima parte, regna (quasi) incontrastato il rock progressivo; certo, anche in Italia, verrebbe da dire soprattutto in Italia, paese i cui, oltre ad essere valorizzate numerose band d’oltremanica, si sviluppò un movimento ampio, eclettico, che solo oggi, lentamente, attraversa una fase di recupero e di valorizzazione musicale e storica.

Riccardo Storti, da buon esegeta del genere, e da “sospetto” nostalgico del vinile, nei “lati A e B” del volume Rock Map, racconta quanto in questi anni è successo, e lo fa con un approccio originale che si può definire “geografico”.

Si parte dalle città, in cui il rock italiano ha messo le radici, si passa alle regioni, andando a scoprire che la provincia, lungi dall’essere “sonnolenta” come si usa dire, era in realtà una fucina di esperienze, anche brevi, anche sporadiche, ma significative; ci si sofferma sugli “stranieri” che in Italia hanno “trovato l’America”, e su quei cantanti melodici che però, sotto sotto, una strizzatina d’occhio al mondo rock-progressivo l’hanno data...

Qui finisce il “lato A”, denso di informazioni, storie di nascite, fusioni, scioglimenti, ricomposizioni, discografie commentate, insomma tutto ciò che è successo...

Inizia il “lato B”, e troviamo una fitta e ricca “timeline”, le schede analitiche degli artisti, un glossario terminologico per i non (strettamente) addetti ai lavori, un’ampia bibliografia, una “sitografia” per i più tecnologici e, chicca finale, l’elenco delle ristampe in cd, completo di etichette discografiche, degli album di quel periodo, inclusi quelli che si temevano “perduti per sempre”.

Un manuale attento e completo, fondamentale per orientarsi nell’universo variegato rappresentato dal rock italiano degli anni ’70.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Artista: Riccardo Storti
  • Editore: Aereostella
  • Pagine: 367
  • Anno: 2009

Altri articoli su Riccardo Storti

Altri articoli di Andrea Romeo