ultime notizie

10-11-12 settembre: Musica da Bere 2020

  L’undicesimo appuntamento con “Musica da Bere” - che anch’essa ha dovuto fare i conti con il Covid19 - sarà una tre giorni, con un’anteprima e due serate finali con ...

Duka & Marco Philopat

Roma k.o. Romanzo d'amore droga e odio di classe

“Romanzo d'amore droga e odio di classe”, recita così il sottotitolo di questo romanzo sui generis firmato da Marco Philopat, scrittore e giornalista legato a doppio filo con la scena punk milanese, e Duka, che si definisce “ironico bardo della controcultura romana”. Tutta la vicenda comincia al Corviale, edificio serpentiforme lungo un chilometro e situato nella periferia romana: i gravi danni strutturali costringono le autorità a evacuare le case. Il sindaco V. (sì: proprio quello) decide di spostare l'enorme quantità di persone negli studios di Cinecittà, in una tendopoli allestita alla bisogna. E tutto comincia ad andare per il verso sbagliato. La folla prende d'assalto un vicino centro commerciale, in piena rivolta contro il potere costituito. La polizia è effimera e, d'altra parte, il sindaco non può permettersi il danno d'immagine in diretta televisiva.
Dicevamo romanzo sui generis, e lo è davvero, perché la vicenda dell'evacuazione del Corviale immaginata in modo così eccessivo, quasi caricaturale, mette alla berlina la società attuale, i vizi nei rapporti con i media, i viziosi esercizi di poter politico di stampo demagogico. Ma Roma k.o. è anche l'occasione per raccontare la controcultura romana degli ultimi trent'anni. Il Duka, infatti, entra nel libro oltre che come autore, anche come personaggio, a cui vengono messi in bocca decine di aneddoti legate all'underground della città. La città, appunto. Non assomiglia alla Roma dell'arte e dell'archeologia che le varie amministrazioni hanno cercato di vendere al popolo dei turisti internazionali, ma nemmeno ha il sapore romantico di molte rappresentazioni cinematografiche. Non assomiglia nemmeno a quella caciarona e gioviale di Aldo Fabrizi o Alberto Sordi. La Roma della street life raccontata da Philopat e il Duka è una città che si fa memoria storica dei movimenti. Attraverso le iperboliche testimonianze del Duka si mettono in riga il Chiapas, il movimento rave, la new wave (italica e non), gli scontri dei separatisti baschi, il microcosmo della curva romanista che riflette il macrocosmo e tanto altro ancora. Roma k.o. è il romanzo che si erge contro qualsiasi normalizzazione e si fa beffa di qualsiasi sindaco V.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Artista: Duka & Marco Philopat
  • Editore: Agenzia X
  • Pagine: 220
  • Anno: 2008