ultime notizie

I Perturbazione raccontano l’uscita di ...

La data di pubblicazione dell’ottavo disco in studio dei Perturbazione, fissata in origine per il 20 marzo, a causa del Covid-19 e dei conseguenti problemi di distribuzione, è slittata di ...

Remo Remotti

Sesso da ospizio. Per finire bene

Che cosa c’entri questo libro di Remo Remotti, che non è un musicista e di musica non parla, con la sezione Letture della nostra rivista (la quale dovrebbe occuparsi di libri sulla musica o scritti da musicisti) è presto detto. Remotti in vita sua, oltre ad aver dipinto, recitato, scolpito, scritto e vissuto in manicomio ma anche in Perù, ha inciso due dischi (“Canottiere”, 2005, e “In voga” 2007) che pur essendo di poesie (musicate) sempre dischi sono (e con la musica dentro, per giunta). Quindi recensiamo il suo libro.
Sesso da ospizio. Per finire bene
racconta il rapporto con il sesso del nostro, classe 1924. Un rapporto che esiste davvero, seppur a modo suo, ed è appurato dalle minuziose descrizioni contenute nelle pagine di questo volumetto. Remotti ha ottantaquattro anni e il peso dell’età almeno in campo sessuale lo sente tutto. Ma se ne frega, e anzi afferma convinto che il sesso migliore sia proprio quello geriatrico. Questione di esperienza? No, non di esperienza, ma di praticità. Leggete e imparate. Perché l’approccio-Remotti al sesso sembra funzionare, e anche piuttosto bene, se è vero come è vero che le sue compagne non hanno la sua stessa età ma molti molti anni di meno. Certo, come afferma Massimo Parente nella prefazione, forse il sesso “alla Remotti” lo può praticare solo Remotti stesso, la cui vitalità metterebbe a stendere chiunque se solo fosse affiancata da altrettanta prestanza fisica. Ma d’altre parte che Remo Remotti sia unico non lo scopriamo solo oggi e a chi affrontando le prime pagine potrebbe pensare di trovarsi di fronte ad un personaggio completamente matto non si può dare torto: Remotti è fuori come un balcone, ma si diverte un mondo, e con questa lettura da un’ora e via, che fa divertire anche noi, lo dimostra appieno. Forse qualcuno a leggerlo si schiferà, ma i più – si spera – penseranno che non c’è davvero modo migliore per “finire bene”.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Artista: Remo Remotti
  • Editore: Coniglio Editore
  • Pagine: 63
  • Anno: 2008

Altri articoli di Luca Barachetti