ultime notizie

Patrizia Cirulli interpreta Achille Lauro

Patrizia Cirulli, cantautrice milanese, rilegge e reinterpreta C'est la vie di Achille Lauro.   di Paola Piacitelli                                                               VEDI IL VIDEO Il singolo, accompagnato dal videoclip ufficiale, è distribuito dall’etichetta La ...

Zhang Changxiao

Suoni dal Mediterraneo. I cantautori popolari italiani

Premessa: questa è la prima volta che parlo di un libro senza essere riuscito a leggerne una riga e non perché il libro non sia interessante anzi, sicuramente lo è, ma per il semplice fatto che è stato totalmente scritto in cinese.

Il libro in questione èSuoni dal Mediterraneo. I cantautori popolari italiani (titolo in originale:Dizhonghai de shengyin) ed è stato scritto dal giornalista e critico musicale cinese Zhang Changxiao (il cui nome d’arte è Sean White) per l’editore Hua Cheng.

Nel suo paese, la Cina per l’appunto, il libro ha già venduto più di 100mila copie accompagnando gli ascoltatori cinesi alla scoperta di diciotto cantautori italiani (tra questi ricordo ad esempio: Fabrizio De André, Lucio Battisti, Giorgio Gaber, Luigi Tenco, Francesco De Gregori, Enzo Jannacci, Lucio Dalla e Francesco Guccini).

L’idea nasce in Zhang Changxiao (qui a destra tra Steward Coppeland e Carlo Facchini) equando, un bel giorno, passeggiando lungo il lago di Lecco per puro caso ascolta (premesso che prima di quel momento non aveva alcuna conoscenza della musica d’autore italiana) la voce di De Andrè uscire da un negozio di musica. A quel punto, da lì al rimanere affascinato dalla sua musica il passo è veramente breve […] Non avevo mai ascoltato un tipo di musica simile, era bellissima[…] […] da quel momento mi sono innamorato di lui! Ho comprato tutti i suoi cd e libri che lo riguardano […] . Scatta in lui quel qualcosa che lo porta a decidere di voler far conoscere nel suo paese la “poesia” (come ama definirla) che ha fatto la storia della musica italiana (oltre agli stra noti Bocelli e Pavarotti).

Dopo aver letto tutto ciò immagino vi stiate domandando: “Chissà cosa pensano i cinesi della musica italiana?” A detta di Zhang Changxiao pensano che essa sia soft, perlappunto come una poesia.

Grazie anche a questo libro svariati nostri artisti hanno avuto così la possibilità di farsi conoscere, e di conseguenza di recarsi, in Cina per tenere dei concerti come ad esempio Francesco Baccini (che ha collaborato con l’artista cinese Cui Jian), i Tempi Duri (di Carlo Facchini), i Pooh e a breve arriverà anche il turno per Mauro Pagani e Cristiano De Andrè. 

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Artista: Zhang Changxiao
  • Editore: Hua Cheng
  • Pagine: 321
  • Anno: 2015

Altri articoli di Maurizio Galli