ultime notizie

Undicesima edizione del Premio Valentina Giovagnini

Pozzo della Chiana, Arezzo 14-15 Settembre 2019 Premio Valentina Giovagnini 2019  Per quanto ci si impegni a scrivere qualcosa a proposito del Premio Valentina Giovagnini, va subito detto che è un ...

domenica 25 novembre allo Spirit de Milan grande live con ospiti (Phil Palmer, Andrea Zuppini, Fabio Casali, Andy dei Bluvertigo) e band al completo

ARIANNA ANTINORI torna a Milano

Hostaria Cohen e la forza del rock (anche in italiano). Tra gli ospiti Phil Palmer, Andy dei Bluvertigo, Andrea Zuppini e Fabio Casali

Ci sono artisti che ti colpiscono al primo ascolto, sia su disco che, meglio ancora, dal vivo. Arianna Antinori ti colpisce non appena l’incontri. Simpatica, gioviale, solare, loquace, con uno sguardo misto di determinazione e insieme di dolcezza, si fa apprezzare perchè ti avvicina ad ‘Arianna’ per prepararti all’incontro con ‘Antinori’. Già, perché quando la vedi salire sul palco ed inizia a cantare, capisci immediatamente che tra la persona e l’artista si produce una sorta di trance, di transfer, quasi una scissione della personalità. La sua voce è davvero uno spasimo di rock blues pieno di passione e di gioia di vivere. La grinta che la pervade è ciò che rende la sua forza espressiva un unicum nel panorama italiano. Il suo tenere il tempo e “tenere a bada” la band che l’accompagna è segno di leadership riconosciuta e riconoscibile in ogni situazione.
Per l’artista laziale (ma che da ormai molti anni vive a Vicenza), il live è l’ossigeno che alimenta la potenza della sua voce; il sangue che irrompe, fluido, ad intensificare il pathos generato dal palco, la tensione che scatta come una scintilla e che si spegne lentamente fino all’acme finale. Non è enfasi “eccentrica” quella che stiamo descrivendo, ma è l’essenza del rock blues che si concretizza nelle performance di Arianna Antinori, una sorta di marchio di fabbrica che lascia un ricordo indelebile per chiunque assista ad un suo live la prima volta. Per chi invece ha già vissuto qualche serata sotto il palco, sono parole superflue, sa già tutto. Da anni Arianna porta in giro il suo rock, prima cantandolo esclusivamente in inglese, poi maturando lentamente la convinzione che anche la lingua madre poteva reggere il confronto. Certo, il paragone con la grande Janis Joplin (complice la sua prestigiosa vittoria nel contest mondiale nel 2010 dedicato all’icona statunitense ha contribuito non poco a farla conoscere e apprezzare) è stato per anni un leitmotiv nelle recensioni e nelle interviste ma, da tempo, quel graffio in gola è ormai parte di una cifra artistica di Arianna che ha saputo uscire da un marchio di fabbrica (di estrema classe…) diventando personale e inconfondibile.
Un percorso che Arianna ha condiviso con
Mauro Paoluzzi (qui insieme con Morgan, in uno dei tre giorni del Premio Tenco 2018), musicista, arrangiatore e produttore di rango che in oltre quarant’anni di carriera è stato faro e guida per molti artisti di peso, così come per molte grandi signore della musica italiana (in primis Gianna Nannini, per cui scrisse America e Latin Lover, tanto per fare due titoli, e poi via via le collaborazioni con Anna Oxa, la Bertè, Patty Pravo…). Frutto di questa collaborazione è stato il nuovo album Hostaria Cohen, splendido esempio di come si possa coniugare in maniera vincente sonorità di matrice anglosassone e americana con la lingua italiana, scegliendo con cura testi incisivi ma che non perdono scorrevolezza quando vengono innestati su ritmiche e riff lontani dall’imperante pop/rock nostrano (nel disco troviamo la firma di Elio Aldrighetti, Vincenzo Incenzo e Raffaella Riva). Tutto questo potrà essere verificato sul campo, ops, sul palco dello Spirit de Milan il 25 novembre. Come dire, dieci euro vissuti intensamente.
Un concerto che si preannuncia davvero particolare, perché oltre alla band (Davide Pezzin al basso, Roberto Parolin alla batteria, Giovanni De Roit e Alberto De Rossi alle chitarre, vedi foto alla fine dell'articolo) con Arianna sul palco ci sarà anche Phil Palmer, formidabile chitarrista che ha messo la sua sei corde al servizio di grandi nomi della musica internazionale e anche nostrana (basta ricordare le sue collaborazioni con Tina Turner, Eric Clapton, Bryan Adams, Frank Zappa, Dire Straits, Dylan e tra gli italiani quelle con De Gregori, Baglioni e per Lucio Battisti nel 1980, con quel suo assolo indimenticabile sul brano Con il nastro rosa).

Phil Palmer è attualmente in tour con i Dire Straits Legends e la sua presenza sul palco domenica allo Spirit de Milan nasce da una sincera amicizia nata durante le registrazioni di Hostaria Cohen ma anche da alcuni live di Arianna in cui Phil ha voluto essere presente, come nella straordinaria serata all'Alcatraz di Milano proprio per la presentazione del nuovo disco e in alcuni live successivi (qui insieme in una foto di Katia Paravati). Tutto confermato per gli altri ospiti, a cominciare da Andrea Zuppini (chitarrista, produttore, arrangiatore, che ha collaborato con Fabio Concato, Rossana Casale, Fiorella Mannoia e che ha suonato in un paio di brani di Hostaria Cohen) a cui si aggiunge Fabio Casali, chitarrista e docente di Art&Musica (suo il bell'assolo su Uomo in mare, quarta traccia di Hostaria Cohen - clicca qui per vedere il video delle regisrazioni ) e per Andy Fumagalli, co-fondatore dei Bluvertigo (ma da sempre fortemente attratto dalle arti visive, tanto da aver fondato Fluon, factory diventata nel tempo punto di riferimento per molti creativi) che aggiungerà il suo sax in alcuni brani. 
E visto che abbiamo parlato di Andy, ricordiamo che la splendida copertina di Hostaria Cohen nasce da un suo disegno che partiva da una foto di Arianna scattata da Cristina Arrigoni, bravissima fotografa specializzata in artisti rock (sua anche la foto in homepage e in apertura di articolo). Il quadro originale da cui nascerà poi la copertina sarà esposto la sera del concerto. La serata sarà presentata da Francesco Paracchini, direttore de L’Isola che non c’era e vedrà la presenza anche di Carlo Lecchi, presidente dell’AVI (l’Associazione Vinili Italiani), con sede a Milano.

Altre info e aggiornamenti work in progress li trovate sull’evento:
https://www.facebook.com/events/976358069238745/

------------------------------------------------------

ARIANNA ANTINORI
domenica 25 novembre 2018
SPIRIT DE MILAN
Via Bovisasca, 57 (angolo Via Cosenz) – Milano
Ingresso 10 Euro

 

https://www.ariannaantinori.com/
https://www.facebook.com/ariannaantinoriofficial/
http://spiritdemilan.it/

 

 

 


Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento