ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Iosonouncane

Il verbo di un fenomeno singolare

la recensione de L'Isola

Premessa: in realtà, questo disco non meriterebbe alcuna critica, nessuna elucubrazione, nessuno sciornarsi sulla pagina di descrizioni e complimenti, perché è davvero troppo grande per starci in duemila e passa battute.

Con calma: Iosonouncane è il nome d’arte di Jacopo Incani, cantautore sardo trapiantato a Bologna che, passati gli anni del call-center, abbraccia l’avventura solista. Il risultato è questo La Macarena su Roma, dodici tracce in cui si salda il cantautorato storico di Gaber, Dalla, De André, la teatralità di Antonio Rezza e il presente digitalizzato del dubstep e dell’elettronica. Insomma, un universo di esperienze (non solo musicali) che collassa in una singolarità, probabilmente la più importante del 2010, sicuramente la più indispensabile.

Dodici tracce, un unico ritratto, il più impietoso e chirurgico di questo momento storico, partendo da sé, dalla sua esperienza di co.co.co., per poi riplasmare storie sentite di sfuggita troppe volte, e infine annullarsi nel collage di pezzetti sputati dal Verbo televisivo: apre la desolazione post-atomica di Summer on a spiaggia affollata, un topos battiatesco ribaltato in una favola estiva di gommoni e morte, razzismo e accidia; Il boogie dei piedi trasforma in un ritmo ossessivo il delirio interno di un italianetto in fila alle poste; Il corpo del reato (apoteosi) sposa Lucio Dalla e spaghetti western, in un lancinante cortometraggio di invocazione disperata e grottesca a una morte e a una gretto provincialismo da cui non ci si vuole strappare; Grandi magazzini pianura celebra il compattamento del Mezzogiorno, che celebra quotidianamente la sua distruzione via spazzatura; Torino pausa pranzo rievoca le morti sul lavoro, l’ascesa e il declino del pianto loro dedicato, pausa calcistica compresa. L’atto centrale dell’album è una fuga dalla forma canzone: Rifacciamoci la bocca, mise en âbime meccanica e alienante di frasi sgrammaticate tratte dal (ri)flusso mediatico, seguito da I superstiti,atto unico con un desolante spaccato di zombismo precario, protagonista Antonio Gramsci.

Chiudono la galleria degli orrori Il sesto stato, istantanea plasticosa al limitare della rivoluzione; Il famoso goal di mano, ironia sullo sport nazionale; Il ciccione, pezzo d’abbandono e molle decadenza; il collasso arriva al climax con La macarena su Roma, lungo monologo di un sociopatico che si tuffa nell’enorme macarena che sembra spuntata direttamente dal tubo catodico; Giugno brevissimo epilogo onirico, il momento prima di accettare l’apertura alla speranza.

Questo lungo e minuzioso elenco parla da sé. Iononsonouncane sorpassa a destra il cantautorato buonista, etnicizzato e politically correct e prende il mondo come un punching-ball, fonderandosi le amorevoli mani con guantoni di cinismo e crudeltà.


Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento