ultime notizie

10-11-12 settembre: Musica da Bere 2020

  L’undicesimo appuntamento con “Musica da Bere” - che anch’essa ha dovuto fare i conti con il Covid19 - sarà una tre giorni, con un’anteprima e due serate finali con ...

Addio al Maestro Morricone, la cui musica ha varcato ogni confine, diventando leggenda

"Non scrivo per il successo. Scrivo per me"

Un musicista che ha spaziato dalla classica alla musica leggera, fino alle colonne sonore. Sempre con un approccio fortemente professionale

 

C'era una volta in America.

C'era una volta il West.

C'era una volta Ennio Morricone.

C'era una volta la Storia, quella con la S maiuscola, quella che nella maggior parte dei casi è fatta di sole note, così intense e così perfettamente orchestrate da rendere superfluo testi, parole, lettere.

Un uomo di poche parole, a tratti schivo e sfuggente al superfluo. Una vita di aneddoti, di racconti fatti dall'alto di un predellino dal quale preferiva dirigere, piuttosto che parlare di quel che per gli astanti era un sogno, ma che per lui era parte della quotidianità.

Preferiva lasciar parlare le sue mani, la sua bacchetta, gli spartiti che lui dipingeva con la stessa semplicità con la quale i bambini disegnano cielo, mare, un sole nascosto dall'immancabile nuvola.

Sì, c'era una volta Ennio Morricone. Quel Morricone che ha realizzato la colonna sonora della vita di tutti coloro che l'hanno amato, e anche di coloro che ora, nel tripudio di condivisioni sui social, commenteranno dicendo "Oddio... ma anche questo brano è suo?"

Dicono che si conosca il vero valore di una persona non quando la si perde, ma quando la si incontra nuovamente. Ennio sfugge a questa regola: il suo valore è stato sempre universalmente riconosciuto da tutti. Ma in questi giorni in cui il mondo suonerà soltanto i suoi brani, ci renderemo conto ancor di più di chi abbiamo perso.

E ora è il caso che queste parole ridondanti la smettano di disturbare come quel vicino che, al cinema, riempie il silenzio di voci superflue.

Musica, Maestro.

 

 

Foto tratte dal sito ufficiale http://www.enniomorricone.org/


Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento