ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Dopo 4 anni di silenzio un nuovo album denso di collaborazioni

"Proxima", la nuova Oxa

Il report de L'Isola dalla Fnac di Milano

Dopo quattro anni di silenzio, di fronte a numerosi fan, Anna Oxa ha presentato alla FNAC di Milano il suo ultimo lavoro “Proxima” con una lunga intervista – chiacchierata molto libera con Paolo Archetti Maestri degli Yo Yo Mundi, uno dei pricipali autori che hanno collaborato al disco.

Un disco nato da un incontro, o meglio da un ritrovarsi insieme. “Con Ivano (Fossati ndr), abbiamo lavorato 32 anni fa e dopo non ci siamo più reincontrati, proprio mai, in tutti e 32 gli anni. Ci siamo rivisti proprio durante al lavorazione del disco, abbiamo scritto testi e musiche e cantato insieme”.

L’artista ha spiegato che questo è stato un disco impegnativo, “Ho sperimentato molto, ho usato la tecnologia, ho provato vari arrangiamenti vocali prima di arrivare alla scelta definitiva, ho studiato tanto”.Impegnativa è stata anche la scelta dei temi da affrontare. “Volevo parlare di due persone che si amano nel senso di volersi bene, di avere un progetto insieme”. Emblematico a questo proposito è il brano “Apri gli occhi” scritto da Pacifico.  “Con Pacifico ho lavorato benissimo, lui è uno che ascolta molto. Si chiamava ‘Chiudi gli occhi’ questo pezzo. Poi è cambiato. Chiudere gli occhi è il rifiuto di vedere l’altro, non riconoscerlo per quello che è, fermarsi a considerare amore solo il desiderio di possesso. Aprirli invece è raggiungere la consapevolezza, è voler bene all’altro senza spersonalizzarlo”.

Non c’è solo amore in questo disco: “La Tigre” scritta da Francesco Bianconi riflette sul rapporto animali – uomini. “Ho voluto dire qualcosa, grazie a Francesco, contro la reclusione a cui sono costretti certi animali definiti feroci, noi esseri umani sappiamo essere peggiori di loro … siamo noi le tigri in gabbia, in realtà”.Ci sono anche “Lodestar” scritta da Mara Redeghieri (ex Ustmamò), accompagnata da un gioioso coro di bambini, e “Haiku”, che esprime la grande passione dell’artista per questo genere poetico. “Amo l’haiku perché è leggerezza come sintesi di qualcosa di profondo. La vera leggerezza”.

http://www.annaoxa.net


Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento