ultime notizie

‘Emozioni. Viaggio tra le canzoni di ...

Quest'anno sono vent'anni che non c'è più. Venti che in alcuni giorni sembrano mille ed in altri, quando i suoi dischi girano e strusciano sotto la puntina, sembrano ...

Ofeliadorme

All harm ends here

Così come l’indie-rock, anche l’indie-pop sta piano piano facendosi strada fra le band italiane più giovani, e lo fa partendo da alcuni punti fermi importanti: una preparazione tecnica e musicale di base molto alta, e la capacità di assorbire ed elaborare con personalità le influenze che, necessariamente, la globalizzazione, anche musicale, condivide in maniera ampia.

Ofeliadorme, band emiliana giunta al primo album dopo aver preso parte alla compilation Even dogs like to dance sfodera una prestazione convincente sotto diversi aspetti: intanto la voce, davvero particolare ed affascinante, di Francesca Bono, dai timbri sofferti, a tratti ruvida, ma capace di impennate melodiche cristalline.

Poi gli arrangiamenti, sicuramente ricercati, privi di asperità, talvolta anche levigati, ma sempre ricchi di profondità e di feeling; in brani come Ian e Grow! riescono a convivere, in maniera assolutamente naturale, l’esperienza del pop e quella della new wave più “scura”, i suoni sembrano giungere “da lontano”, con un effetto straniante, avviluppano l’ascoltatore, lo ipnotizzano come in Burning, con quelle melodie lasciate quasi a mezz’aria.

La ritmica è davvero scarna, spesso anche solo abbozzata, eppure non ci sono brani che assomiglino a delle ballad: anche pezzi come The king is dead ha caratteristiche quasi “watersiane”, grazie alle chitarre che sembrano andare in una sorta di loop naturale senza per questo diventare ripetitive; anche il basso è quasi “sotterraneo”, dilatato, indistinto, e crea una base armonica, più che ritmica.

Queste caratteristiche connotano fortemente il sound degli Ofeliadorme, capaci di trovare, da subito, un’identità precisa e definita, a cui sicuramente la vocalità della cantante conferisce una originalità ed una specificità di forte impatto; il suono, in generale, cattura da subito l’attenzione, pur senza grossi artifici sonori: la chitarra lievemente dissonante di Leaves of grass è curiosa, ma assolutamente naturale, priva di orpelli o effetti particolari, così come le percussioni in The wizard, the witch and the crow, che sembrano quasi “stoppate”, come se sotto le pelli ci fossero dei cuscini, eppure non appaiono assolutamente “sintetiche”.

Un debutto sicuramente di altissimo profilo, tecnicamente ineccepibile e musicalmente ricco di momenti affascinanti, che fanno sperare in interessanti sviluppi…

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Ofeliadorme
  • Anno: 2011
  • Durata: 44:03
  • Etichetta: Ofd Park

Elenco delle tracce

01. Paranoid park

02. Ian

03. Grow!

04. Burning

05. The king is dead

06. I like my drums

07. Leaves of grass

08. Naked evil

09. The wizard, the witch and the crow

10. River

11. Eve

Brani migliori

  1. Ian
  2. Grow!
  3. The wizard, the witch and the crow

Musicisti

Francesca Bono: lead vocals, guitar, keyboards, zither Gianluca “G Mod” Modica: bass, guitar, back vocals Michele “Post” Postpischl: drums Tato Izzia: guitar, mandolin, glockenspiel Luca De Marchi: trumpet Mila Fumini: violin Marcello Petruzzi 33 Ore: back vocals Andrea Felli: pianoforte