ultime notizie

Giulio Casale: “Inexorable”, nuovo disco in ...

Conferenza stampa di presentazione "Inexorable", 4 dicembre, Circolo Culturale La Corte dei Miracoli – Milano. di Giuseppe Verrini Inesorabile Casale. Ancora, più forte di prima, torna la voglia di raccontare di ...

Sulutumana

Arimo

Nati nel 1989 come cover band di repertorio cantautorale italiano e internazionale, da ormai un decennio i comaschi Sulutumana si cimentano con proprie composizioni. Fin dell’ esordio come autori, la loro carriera è stata costellata da un susseguirsi di riconoscimenti della critica: dal premio Un’avventura, al Premio Tenco fino all’ultimo Premio Lo Cascio 2008.

Arimo
, il loro ultimo disco, è una vera sorpresa sotto molti punti di vista. Alcuni mesi fa gli stessi Sulutumana annunciavano il loro scioglimento a causa della defezione di Michele Bosisio, uno dei membri originari del gruppo, confermando però la volontà di continuare con altro nome. Arimo esce invece sempre con la sigla originaria e, ascolto dopo ascolto, non può non essere considerato uno dei migliori lavori del 2008. I testi delle tredici tracce sono stati tutti scritti da Gian Battista Galli e, come nei precedenti lavori, musica e liriche vivono in simbiosi perfetta. Arimo è una sorta di concept album, con, altra novità di rilievo, atmosfere più rarefatte e ricercate, meno contaminazioni folk e rock e molto pianoforte, a discapito delle chitarre e soprattutto della fisarmonica, usata in modo molto parco. Le canzoni dei Sulutumana non possono essere certo definite semplici, come del resto non è mai stato facile nemmeno etichettarli come appartenenti ad un genere definito, poiché i componenti del gruppo, tutti validissimi musicisti, hanno un background che spazia dal rock alla classica, al jazz al folk alla musica etnica.

L’inizio dell’album è da brivido, a partire da Appeso per la luna e Liberi tutti, canzoni che anche da sole varrebbero l’acquisto di Arimo, pezzi semplicemente “perfetti” dove qualità delle musiche, dei testi, e potenziale commercialità si sposano in un perfetto connubio. Un lavoro davvero imperdibile, maturo, molto curato sotto tutti i punti di vista, per un gruppo che non fa che confermarsi uno dei più interessanti del panorama musicale italiano.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Sulutumana & Dario Ravelli
  • Anno: 2008
  • Durata: 47:39
  • Etichetta: Alternative Produzioni/Venus

Elenco delle tracce

01. Appeso per la luna
02. Liberi tutti
03. Canzone del calzolaio ubriaco
04. Lègura
05. Il temporale
06. Un po’ come
07. Viaggio (intro)
08. Viaggio
09. Canzone dell’amante che se ne va
10. Di pace e di pane
11. farfalla sucullo
12. Canzone di Iole
13. Ogni voce che tace

Brani migliori

  1. Appeso per la luna
  2. Liberi tutti
  3. Di pace e di pane

Musicisti

Andrea Aloisi: violino, cori
Francesco Andreotti
: pianoforte, tastiere, hammond, rhodes, cori
Marco Castiglioni
: batteria
Samuel Elazar Cereghini
: percussioni, steel drum
Raffaele Cogliati
: chitarra elettrica, chitarra acustica
Angelo Galli
: cori, voce
Gian Battista Galli
: voce, fisarmonica
Nadir Giori
: contrabbasso, basso, chitarra classica, chitarra semiacustica, programmazione computer

Silvio Pozzoli: cori
Maite Reyes Barò
: cori, voce