ultime notizie

Patrizia Cirulli interpreta Achille Lauro

Patrizia Cirulli, cantautrice milanese, rilegge e reinterpreta C'est la vie di Achille Lauro.   di Paola Piacitelli                                                               VEDI IL VIDEO Il singolo, accompagnato dal videoclip ufficiale, è distribuito dall’etichetta La ...

  • Ivana Gatti - Stereocosmica

    Il disco della settimana

    di: Ricky Barone

    Fare dischi oggi è solo apparentemente più facile di un tempo. Certo, le possibilità sono decisamente superiori rispetto ad alcuni decenni fa, i musicisti sono più numerosi, le tecniche migliori e gli studi di registrazione più snelli e duttili. La costruzione di una canzone però non è cambiata. Ci vogliono sempre delle ...

    Leggi tutto »

  • di: Ricky Barone

    Dietro il nome del gruppo The Bartolino’s, ensemble formato con Alessandro Stivala e costituito da bravissimi musicisti, ci sta un vecchio marpione del cantautorato italiano, Alessandro Ducoli, che nel booklet sembra uscito da una cambusa di una vecchia nave, sbilenco e disordinato, dreadlocks in testa e fido cagnolino a ...  Leggi tutto »

  • di: Ricky Barone

    C’è una trama sottile che unisce tutti i lavori di Paolo Cattaneo, cantautore bresciano che si contraddistingue per un percorso all’insegna dell’eleganza e dello stile. E’come se ogni suo disco fosse collegato al precedente e ne costituisse in un certo senso l’evoluzione. Così è anche nel caso ...  Leggi tutto »

  • di: Ricky Barone

    C’è una sorta di pacificazione in un lavoro come questo. Un album strumentale a molti può apparire quasi come un disco che non comunica: Watermouth invece parla, e punta direttamente al cuore di chi lo ascolta, cosa piuttosto difficile in questo contesto di rumori assordanti che ci invadono quotidianamente. Louis ...  Leggi tutto »

  • di: Ricky Barone

    Ce ne è voluto del tempo ma finalmente in questo 2017 si è avverato il sogno del punk: tutti possono suonare! Oggi infatti a tutti è data la possibilità di scrivere, cantare ma soprattutto di pubblicare le proprie canzoni. La rivoluzione nata dal basso ha raggiunto la sua completa attuazione. Colder dei Red ...  Leggi tutto »

  • di: Ricky Barone

    C’era un tempo in cui si cantava che “il rock‘n’roll non potrà mai morire”. La frase è assolutamente veritiera ma è  ancora più vero sostenere che a non morire mai è il blues. Il blues è un canto primordiale, che col passare del tempo pare rinvigorirsi e aumentare la propria forza ...  Leggi tutto »

  • di: Ricky Barone

    Ci sono dischi che richiedono tempi e modalità di ascolto dedicati, altrimenti rischiano di non essere apprezzati come meritano. Resistenza, liberi di cantare… dei Malghesetti è uno di questi: un album che offre un’intensità non indifferente a livello di tematiche affrontate, raccontando della Resistenza vissuta dai partigiani sulle Alpi. E ...  Leggi tutto »

  • di: Ricky Barone

    Non è nostra abitudine recensire dischi composti quasi esclusivamente da cover, ma in alcuni casi, come in questo, facciamo volentieri delle eccezioni. Il termine cover poi può essere riduttivo, lo è certamente per il duo bresciano dei Crowsroads, per il quale queste canzoni rappresentano piuttosto le luci che illuminano il percorso che ...  Leggi tutto »

  • di: Ricky Barone

    Il bresciano Charlie Cinelli, dopo anni di onorata carriera, si è imbattuto in uno di quei classici incontri che ti cambiano la vita. Ha conosciuto Andrea Parodi, cantautore prima e produttore poi, che da anni collabora con diversi e molto qualificati artisti americani. Andrea è diventato così il primo vero produttore di ...  Leggi tutto »

  • di: Ricky Barone

    Raccontare di questo nuovo e secondo disco dei Daloosma non è per niente facile. Primo perché sono passati alcuni anni dall’album d’esordio, Le strade di Benz, che aveva favorevolmente impressionato pubblico e critica; e secondo perché nei Daloosma è successo qualcosa di molto importante, un cambiamento radicale per un gruppo ...  Leggi tutto »

  • di: Ricky Barone

    Si sa che il secondo disco è il più difficile, per vari motivi: perché il materiale a disposizione è inferiore, perché uno deve confermare, e possibilmente migliorare, quanto di buono ha mostrato col primo album, perché c’è maggior tensione e più aspettativa e altro ancora. Forse è per questo che quelli della Contrada ...  Leggi tutto »