ultime notizie

Undicesima edizione del Premio Valentina Giovagnini

Pozzo della Chiana, Arezzo 14-15 Settembre 2019 Premio Valentina Giovagnini 2019  Per quanto ci si impegni a scrivere qualcosa a proposito del Premio Valentina Giovagnini, va subito detto che è un ...

  • Luca De Nuzzo - Jòmene e Jòmene

    di: Alberto Bazzurro

    Pugliese dell’entroterra garganico (San Severo) e romano d’adozione, Luca De Nuzzo firma con questo Jòmene e jòmene (uomini e uomini) il secondo lavoro a proprio nome. Gli fanno da cornice musicisti sopraffini, magistralmente valorizzati dagli arrangiamenti di Federico Ferrandina, sempre preziosi ed evocativi, specie sul piano timbrico (in ...

    Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Borderline, cioè sul crinale. O magari su tanti crinali: quello geografico, un Friuli brado conficcato fra Austria e Slovenia, il cui dialetto, altrettanto brado, riempie questo singolarissimo, notevole album, alternandovisi con svariate altre parlate, fra cui inglese e italiano (ma nei titoli non mancano neppure gli ideogrammi…); quello linguistico, conseguentemente ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Non si può negare che questo album riveli da subito un impatto tutto particolare, fortemente caratterizzato. “Ti aspetterò fino alle quattro”, ripete martellante l’incipit di Cenere al vento; e poi l’attesa prosegue: le otto, le dieci… E ancora, in Ho visto, il tormentone è “ho visto un fenicottero ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Il nome di Gerardo Balestrieri non dovrebbe trovare spiazzato chi si occupa con attenzione di cantautorato. Il trentottenne giramondo (è nato a Remscheid, in Germania, ma poi si è spostato non poco) è stato infatti già tre volte al Premio Tenco, dove in particolare, nel 2007, il suo “I nasi ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Pur in un mondo variamente popolato come quello della canzone d’autore, debuttare a cinquantasei anni mantiene un che di sorprendente. Il genovese Franco Boggero, di professione storico dell’arte, lo fa, e con questo Lo so che non c'entra niente, inciso dal vivo nell’agosto 2008, sfiora addirittura ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Pressoché omonimo del film di Davide Ferrario “Tutta colpa di Giuda” (fra gli interpreti anche Luciana Littizzetto), titolo a sua volta identico al brano d’apertura e che attraversa appunto il soundtrack della pellicola, questo album rivela i contorni di una proposta già sufficientemente matura e definita, pur trattandosi in ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Opera prima del calabrese Carmine Torchia, trentadue anni e una laurea in architettura in bacheca, Mi pagano per guardare il cielo, sul mercato già da alcuni mesi, evidenzia una proposta a suo modo insolita: una vocalità esile, neanche troppo da cantante, abbinata a una scrittura (musica e testi, questi ultimi ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Vincenzo Pomar, cinquantaquattro anni compiuti da poco, palermitano, un decennio vissuto a Parigi, si unisce qui al quartetto jazz (al settantacinque per cento argentino: la stessa incisione si è svolta a Buenos Aires) del pianista Maurizio Curcio, coautore delle musiche, nonché responsabile degli arrangiamenti, di questi brani, ad eccezione di ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Dopo sette anni di silenzio discografico, Bobo Rondelli torna sul mercato col terzo album a suo nome (a cui vanno aggiunti quelli con gli Ottavo Padiglione). Rondelli è di Livorno, dove non pochi lo considerano un “geniaccio”, e si augurano vivamente che una notorietà tuttora piuttosto di nicchia non ne ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Se non avete idea di come si possano far “cantare” le percussioni (ambito in cui rientrano peraltro anche strumenti largamente melodici come vibrafono, marimba e steel drums) e non conoscete ancora Odwalla procuratevi questo disco. Il gruppo piemontese diretto da Massimo Barbiero, attraverso avvicendamenti che non ne hanno comunque intaccato ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Inciso nel 2003 e pubblicato due anni dopo dalla Venus solo in Giappone, giunge ora anche sul mercato italiano, con diversa copertina, questo lavoro che Bollani, notoriamente avvezzo alle riletture di marca brasiliana, dedica al compositore con tutta probabilità più illustre del panorama verde-oro, Antonio Carlos Jobim. Si spazia attraverso ...  Leggi tutto »