ultime notizie

Undicesima edizione del Premio Valentina Giovagnini

Pozzo della Chiana, Arezzo 14-15 Settembre 2019 Premio Valentina Giovagnini 2019  Per quanto ci si impegni a scrivere qualcosa a proposito del Premio Valentina Giovagnini, va subito detto che è un ...

  • Il Pan del Diavolo - Il Pan del Diavolo

    di: Alberto Bazzurro

    Anche solo quattro brani possono definire i contorni di una proposta fino a ieri inedita. E’ quanto accade in questo mini-cd del duo palermitano (nato nel 2006) Pan del Diavolo, anche perché le quattro canzoni – due firmate dal solo Alosi, le altre due a quattro mani – compongono un corpus piuttosto ...

    Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Scrittore di terra e di razza (terra e razza sono quelle dei Pavese e dei Fenoglio, tanto per dire pane al pane), Gianmaria Testa così introduce, nel booklet interno, questo suo Solo - dal vivo: “Quelli come me incominciano da soli a battagliare una chitarra. Finché il legno si svernicia e ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Un consiglio, per iniziare: se non avete troppa familiarità con quell’autentico monumento della canzone politica italiana che è Ivan Della Mea, partite senz’altro dal dvd, preziosissimo, in cui troverete, inframezzati da numerose canzoni, tutti gli elementi – biografici, storici, ideologici – che vi consentiranno di approcciare nel migliore dei modi ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Quarantatre anni, torinese, Giorgio Li Calzi è musicista anfibio (che non vuol dire eclettico, sia chiaro) come pochi. Jazzista per comodità (soprattutto altrui) e musicista elettronico-contemporaneo per vocazione (sua), ha sempre avuto un debole per il cinema, e più in generale per l’abbinamento suono/immagine. Stupisce persino un po ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Nato a Pavia nel 1939, Sergio Bardotti ci ha lasciati l'11 aprile 2007. Era paroliere, traduttore e compositore lui stesso. Il Club Tenco, che già l’aveva premiato nell’83 come operatore culturale, gli dedica oggi – insieme con una bella fetta della sua rassegna 2008 – questo monumentale tributo in ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Pubblicando “Fleurs 3”, Franco Battiato disse che quello strano numero era dovuto al fatto che, visto il successo del primo “Fleurs”, gli si sarebbe di certo chiesto un trittico di album in tema, per cui lui passava direttamente al terzo e ultimo volume, per ritenere ufficialmente chiusa l’esperienza. Sorprende ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Peppe Fonte scrive canzoni da quando aveva quindici anni, quindi da oltre un quarto di secolo, visto che oggi ne ha quarantadue. A istigarlo fu l’incontro con Piero Ciampi e col suo “scudiero” Pino Pavone, come Fonte calabrese, nonché avvocato. La musica è per entrambi una passione, che in ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Con uno strumentario simile a un Brassens, che – se si esclude “Brassens en jazz” – firmò un’intera, esemplare discografia con non più di una o due chitarre acustiche e un contrabbasso, però attraverso un approccio più prossimo a un Piero Ciampi (si ascoltino Finzi Contini, Il ricordo di tua madre ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Dopo lo scivolone de “L’arcangelo” (un solo brano memorabile: “Il battito”), questo nuovo lavoro di Ivano Fossati era senz’altro molto atteso da quanti (quorum ego) reputano l’artista di Leivi fra i tre o quattro maggiori cantautori italiani in attività. Il primo approccio non è dei più rassicuranti ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Registrato nel settembre 2006, questo splendido disco riassume un progetto che vive da più di tre anni. L’idea non è inedita ma la sua esemplificazione sì: unire il forte background operistico che permea la musica italiana (tutta) con certo modus operandi proprio del jazz (l’improvvisazione, ma non solo ...  Leggi tutto »

  • di: Alberto Bazzurro

    Aprendo la confezione si scorgono subito due disegni di Paolo Conte (l’interno del booklet ne svelerà altri cinque, per lo più noti, ma è sempre un gran bel vedere). Parte quindi lo strumentale di Psiche, evaporata ouverture appena rotta da tre versi (sette parole sette). In un clima gonfio ...  Leggi tutto »