ultime notizie

ChitArsNova 2019 torna con tre appuntamenti

Il progetto ‘ChitArs’ nasce in seguito ad una mostra di liuteria con prova pubblica degli strumenti nel settembre 2012 a Nova Milanese, nell’ambito del ‘Festival Novart’. A dare il ...

La Banda di Piazza Caricamento

Babelsound

Chi avesse detto ad un genovese, come presagio, che un giorno piazza Caricamento, uno dei luoghi mitici della Genova operaia, avrebbe dato vita, voce e nome ad una band multietnica, si sarebbe preso, dritto nel muso, un classico “bélin, ma cosa dici…?”. Ed invece non molto lontano da un’altra strada mitica per altre e ben care ragioni ai nostri lettori (via Prè) si è materializzata una realtà musicale, La Banda di Piazza Caricamento, che farà parlare di sé (nell’eventualità che il gruppo riesca a mantenere coesione, passione e costanza in un mondo musicale sempre più arduo da affrontare perché denso di interessanti proposte musicali) dopo l’esordio discografico dell’interessante Babelsuond, lavoro ricco di sfumature e di richiami alla musica del mondo.

Musica con le radici più disparate (Marocco, Brasile, India, Senegal Italia, Russia e non solo) che riesce a comunicare, complice la non celata voglia di esprimere al meglio le proprie potenzialità senza prevaricare alcuna espressione etnica, Babelsound è un groviglio di atmosfere che riescono ad esprimere saperi ed esperienze che, condivisi, sanno rendere quel giusto mix di esotico e locale, di conosciuto e misterioso. Brani come Integrazione, Ganatapathi raga, Fratelli Gnawa sono l’esempio di come sia possibile costruire un album integrando le capacità dei tanti musicisti coinvolti e facendoli convergere su un obbiettivo comune che è il tentativo di costruire “il suono del mondo”.

Certo, la proposta non è originale, qualcun altro l’ha già fatta (vedi l’Orchestra di Piazza Vittorio) ed altri gruppi la faranno, però è importante che qualcuno abbia immaginato che un’operazione di questo tipo non sia una mera operazione commerciale “di colore”, ma espressione di un meticciato che la musica ha sempre agevolato. Perché quando parlano le note tacciono le differenze e “le tribù” umane abbassano le armi.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2008
  • Durata: 50:49
  • Etichetta: Promo Music

Elenco delle tracce

01. Aprile
02. Integrazione
03. Morte com vida
04. Sola sola
05. Mungu
06. Bembè de Plaza Caricamento
07. Amuleto
08. Ganatapathi raga
09. Rayeh
10. Fratelli Gnawa
11. Lyulyushka per mayushka

Brani migliori

  1. Bembè de plaza Caricamento
  2. Mungu
  3. Rayeh

Musicisti

Elias Salvini: djembee, tromba
Laura Muradi
: voce
Kai Kundrat
: basso, doppio basso, pandeiro
Nadesh Joythimayamanda
: voce
Alessandra Ravizza
: voce, chitarra
Davide Ferrari
: voce, thermin, sansula, dan moi, sax tenore, tambura
Abd el-rrazaq El-Aidi
: qaraqqeb, riqq, voce, ghatam
Rachid Hani
: tastiere, voce, pianoforte
Small Maarouf
: percussioni, guiro, shaker
Issam Boulakchour
: darbouka, voce
Olmo Andrei Manzano Anorve
: conga, timbali, cajon, cimbali, shereke, voce
Albert Sardei
: voce
Bassirou Sarr
: dumdum, tama
Cheikh Sadibou Fall
: dijembee, kora, voce
Papa Ndong
: percussioni, triangolo
Marasinha Siriwardana Kasun Dias
: batteria, percussioni elettroniche
Acai Lombardo Arop
: voce

Mallem Abdenbi El Gadari: guinbri
Gnava Barbara
: voce
Maya Goncales Kundrat
: voce