ultime notizie

Arte, cultura e sport al SOCIAL ...

Inclusione e cultura insieme per combattere il disagio sociale. Dal 13 al 16 giugno prende il via la prima edizione di un Festival speciale, il Social Tour Guidonia Montecelio. Non ...

Blake/e/e/e

Border Radio

È decisamente un’impresa ardua incasellare lo stile e l’approccio che i Blake/e/e/e riversano nel loro debut album dal titolo Border Radio. La band, creata da Paolo Iocca e Marcella Riccardi (ambedue ex Franklin Delano) qui supportati dal drummer Davy Delafuente, presenta dieci tracce che oscillano velocemente tra derivazioni, profumi e colori contrastanti, non dando mai all’ascoltatore la chance di potersi fare un’idea certa di cosa stia uscendo dagli altoparlanti.

L’intero album si sviluppa su un affastellamento di piani sonori che si incastrano a meraviglia, apparentemente liberi da regole, ma in realtà tenuti ben stretti da fili invisibili fatti di ritmi di derivazione dub scanditi con decisione, mantra vocali ed effetti elettronici che si fanno apprezzare per la loro garbata funzionalità.
Belli i pezzi iniziali, tra i quali segnaliamo per intensità The Great Rescue Episode, dove la voce di Paolo si stende con piacere su un letto di suoni morbidi, caldi, che rimandano l’immagine di ampi spazi, dove consumare amore libero e trasgressioni in pieno stile seventies; come del resto nelle lisergiche spirali di Narrow Zone con tanto di campanellini India-oriented. Al contrario risultano meno accoglienti le sonorità della monolitica Time Machine ma, come dicevamo, i Blake/e/e/e giocano con destrezza invidiabile a cambiare ripetutamente le carte in tavola, fino a calare l’asso di The Thing’s Hallow, brano nel quale la voce di Marcella rende necessario un paragonane importante, una via di mezzo tra Nico e PJ Harvey.

“Border Radio” è un piccolo/grande gioiello suonato con gusto, pieno di ottime idee che interagiscono tra di loro fino a creare un insieme sorprendente; negli States se ne sono accorti per tempo, il che non rappresenta una sentenza, ma una prova di certo sì.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Blake/e/e/e
  • Anno: 2008
  • Durata: 42:23
  • Etichetta: Unhip Records/Audioglobe

Elenco delle tracce

01. Holy Dub
02. New Millennium's Lack Of Self Explanation
03. The Great Rescue Episode
04. Narrow Zone
05. Time Machine
06. The Thing's Hollow
07. Holy Yes To The Sunny Days
08. Dub-Human-Ism
09. Border Radio
10. Saint Lawrence Tears

Brani migliori

  1. The Great Rescue Episode
  2. The Thing’s Hallow
  3. Time Machine

Musicisti