ultime notizie

Venerdì 1 Marzo a Buccinasco la ...

Ce l’avevo quasi fatta, l’ultimo lavoro discografico degli Alti & Bassi (clicca qui per la recensione) esce ufficialmente nei negozi e sulle piattaforme digitali il 22 febbraio, dopo un ...

Bruno Lauzi & Artisti vari

Bruno Lauzi & Il Club Tenco

Bruno Lauzi nacque a L’Asmara nel 1937 ma era un genovese acquisito ed è stato uno dei cosiddetti fondatori della scuola genovese della canzone d’autore. Che poi davvero una tal scuola, indirizzo, movimento sia esistito è cosa fatua. Quello che a noi interessa è che questo signore di piccola statura e di modi garbati era un poeta vero. Poco appariscente, se non per la sua chioma spumeggiante, ma ottimo autore e cantante versatile, ha saputo rappresentare importanti momenti del nostro cantautorato. Giusto e normale che il Club Tenco, oltre che dedicargli il Premio del 2006, abbia ora prodotto con la complicità di Ala Bianca questo doppio album Bruno Lauzi & Il Club Tenco, che è prima di tutto un atto d’amore nei suoi confronti.

Il primo cd contiene brani interpretati da Lauzi in tre edizioni del Premio Tenco. Canzoni che rendono bene l’idea della sua particolare capacità di scrittura e sobrietà interpretativa. Il secondo cd invece è il segno tangibile dell’attenzione e del rispetto che tanti autori hanno avuto (ed hanno) nei confronti del maestro genovese. Così non sono affatto in contraddizione Almeno tu nell’universo interpretata magistralmente da Mia Martini e Al pranzo di gala di Babbo Natale cantata da Caparezza. E nemmeno una canzone come Viva la Libertà virata in reggae da Vinicio Capossela appare fuori centro insieme ai virtuosismi vocali di Luisa Cottifogli dei Quintorigo su Diano Marina.
Maurizio Lauzi
ne Il poeta riesce invece a richiamare tutta l’emozione presente nell’interpretazione paterna, complice il suono morbido e sensuale del pianoforte, sensazione che torna nell’interpretazione di Ritornerai ad opera di Morgan. Menzione a parte infine per la rilettura di Arrivano i cinesi fatta dal duo Magoni-Spinetti, i quali sottolineano con chiaroscuri e ornamenti jazz tutta l’ironia del brano, dando ancora una volta la sensazione di poter cantare (bene) qualsiasi cosa venga loro proposta. Un bell’omaggio dunque “Bruno Lauzi & Il Club Tenco”, e soprattutto dovuto: se non altro perché in vita il nostro non ha avuto tutto il successo che si sarebbe meritato.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Enrico De Angelis & Sergio Secondiano Sacchi
  • Anno: 2008
  • Durata: 89:15
  • Etichetta: Ala bianca/I dischi del Club Tenco

Elenco delle tracce

CD 1 – Bruno Lauzi al Club Tenco
01. Il poeta
02. Che bella gente
03. Wanda
04. Navigatore solitario
05. Il dubbio e la certezza
06. Io canterò politico
07. Gli acrobati
08. La rosa bianca
09.  Via Broletto, 34
10. L’ufficio in riva al mare
11. Canzone per l’America
12. Le bigotte
13. Ho incontrato Dio sulla spiaggia di Rio
14. Il Poeta

CD 2 – Il Club Tenco a Bruno Lauzi
01. Al pranzo di gala di Babbo Natale (Caparezza)
02. Il poeta (Maurizio Lauzi)
03. Ritornerai (Morgan)
04. O frigideiro (Bugo)
05. O scioco (Gino Paoli)
06. Diano Marina (Quintorigo)
07. L’ufficio in riva al mare (Patrizia Laquidara)
08. L’altra (Simone Critichi)
09. Il leprotto Zip (Maurizio Ponziani)
010. La tartaruga (Lucilla Galeazzi)
11. La donna del Sud (Maler)
12. Io e il mare (Lomè)
13. Arrivano i cinesi (Petra Magoni & Ferruccio Spinetti)
14. Viva la libertà (Vinicio Capossela)
15. Almeno tu nell’Universo (Mia Martini)
16. Autunno (recitata da Ellade Bandini)

Brani migliori

  1. Io canterò politico
  2. Il poeta
  3. Almeno tu nell’universo (Mia Martini)