ultime notizie

Christmas Favorites: il Natale visto da ...

Marco Giubileo ci ha preso gusto. Dopo The BASSoundtrack Book, EP uscito meno di un anno fa e dedicato a celebri colonne sonore riarrangiate con il basso solista (disco che ...

Jenny Sorrenti

Burattina

Napoli ha, storicamente, infinite voci: da quelle più “leggere”, divenute nel tempo quasi ovvie, a quelle più colte, meno conosciute, forse, dal grande pubblico, ma fortemente ed intimamente popolari, figlie della tradizione più profonda e meno superficiale. Insomma sotto la patina espressiva più consueta e, sicuramente, meno interessante, pulsano culture e tradizioni radicate e dallo spessore importante.
Jenny Sorrenti
è un’artista che arriva da lontano, dagli anni settanta dei Saint Just, musica fortemente sperimentale, incrocio tra musica tradizionale napoletana del settecento, musica classica ed istanze avanguardistiche; poi una carriera solista molto “meditata”, cinque album solisti realizzati tra il 1976 ed il 2004, diverse collaborazioni, rilevanti ma scelte con cura, ed il desiderio evidente, anche se mai  ostentato, di non inflazionarsi, di non entrare in quel circolo vizioso dell’album-ogni-due-tre-anni che spesso smorza l’ispirazione e conduce alla routine musicale.
Burattina
è un lavoro sanguigno, muscolare, la voce di Jenny Sorrenti è, di volta in volta, profonda, tesa, melodiosa, “acida”, si agita tra frequenze basse ed armoniche e frequenze altissime, lancinanti, coprendo una grande varietà di gamme sonore, con espressività e dinamiche in continuo mutamento.
Il brano d’esordio, ‘A stessa terra, è rappresentativo di un approccio che fa della varietà una delle caratteristiche fondamentali di questo lavoro; lo stesso discorso fatto per la voce è del tutto riferibile agli arrangiamenti strumentali, che si allontanano dalla canonica struttura della canzone per avvicinarsi a quella di piccole suite, in cui i concetti stessi di strofa e ritornello perdono di validità e di importanza. Un album a tutto tondo, sorta di summa armonica di una lunga carriera, e punto di ri-partenza per altre ricerche, altre sperimentazioni, altri viaggi musicali.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Jenny Sorrenti & Marcello Vento
  • Anno: 2009
  • Durata: 39:32
  • Etichetta: Carta da Musica/Odd Times Records/Egea Music

Elenco delle tracce

01. ‘A stessa terra
02. Ali in prestito
03. Burattina
04. Maronna mia
05. Nessuno è più forte di chi non ha nulla più da perdere
06. Fragili
07. Stella luntana
08. Bachgen Bach o dincer
09. Ricostruire

Brani migliori

  1. ‘A stessa terra
  2. Burattina
  3. Maronna mia

Musicisti

Jenny Sorrenti: vocals, piano, keyboards
Piero Viti:
guitars, oud, mandola
Vincenzo Zenobio:
accordion, ciaramella
Vittorio Pepe:
bass
Marcello Vento:
drums, percussion, latta olio, ventolo, vocals

Enzo Gragnaniello: vocals