ultime notizie

Un’altra Italia, nuovo singolo di ...

L’artista è colui che riesce a esprimere attraverso la sua opera pensieri, emozioni, sentimenti che appartengono a tutti e in cui ognuno può riconoscersi. Una volta c’erano gli intellettuali ...

Moreno Delsignore

Chamber rock

Ci han provato in tanti a rileggere i classici del rock. Alcuni con premesse presuntuose e campate in aria, altri con la convinzione di omaggiarli con risultati poco brillanti, poiché senza passione e maestria interpretativa, rimangono progetti incompiuti. Invece, le succitate componenti necessarie per centrare il bersaglio sono al contrario ben presenti nel nuovo album di Moreno Delsignore, Chamber Rock: dieci brani-tributo ai mostri sacri che han scritto pagine illustri nel genere in questione.

Un prodotto che riporta giustizia per ogni maldestro ardire di coverizzazione, con l’aggiunta che Moreno ha messo in campo guizzi esperienziali maturati in decenni di attività: prima, dando voce e anima agli Scomunica e poi in qualità di apprezzato vocal-coach per Vasco, Ruggeri, Vandelli and many more… Oggi, ci fa accomodare nella “stanza del rock” in confortevole ascolto di classici imperituri, come la Floydiana High Hopes, ideale trait d’union col precedente full-length “Risveglio” (che la includeva nella tracklist), Save a prayer (Duran Duran), Black hole sun (Soundgarden) o Life on Mars (Bowie): un pokerino di gemme investite a ruolo di portavoce come singoli di lancio. Si avverte come Moreno non tema il carisma di Gilmour, Le Bon, Cornell o del Duca Bianco, poiché la sua griffe vocale manifesta equilibrio, rispetto, tecnica, col chiaro intento di incorniciare omaggi con garbo e pertinenza, disidratando i loro contenuti con ricchezza d’intenti. Inoltre, occorre che la materia trattata sia masticata con padronanza di mezzi e convinzione: componenti mai scevri dalla passerella di  Chamber Rock, che sfila con altri 6 abiti agghindati senza tessiture pacchiane ma sempre col bon-ton assemblativo. Ecco, quindi, che i masterpieces di U2, Led Zeppelin, Doors, Radiohead, Depeche Mode e Temple of Dog completano il raffinato atelier del Nostro, con “top-models” sempreverdi. Anche grazie al pregiato apporto della stilosa eleganza chitarristica del suo compagno di viaggio Luca Sassi, con Chamber Rock  Delsignore è riuscito a testimoniare evi musicali diversi col bernoccolo dell’ampia visceralità artistica, rileggendoli con acume propositivo ed inopinabile talento.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2020
  • Durata: 39:52
  • Etichetta: Vrec Music Label

Elenco delle tracce

01. Enjoy the silence
02. Life on Mars
03. Save a prayer
04. Black hole sun
05. Running to stand hill
06. Going to California
07. Riders on the storm
08. No surprises
09. Hunger strike
10. High hopes

Brani migliori

  1. High hopes
  2. Life on mars
  3. Going to California

Musicisti

Moreno Del Signore: voce - Luca Sassi: chitarra