ultime notizie

Patrizia Cirulli interpreta Achille Lauro

Patrizia Cirulli, cantautrice milanese, rilegge e reinterpreta C'est la vie di Achille Lauro.   di Paola Piacitelli                                                               VEDI IL VIDEO Il singolo, accompagnato dal videoclip ufficiale, è distribuito dall’etichetta La ...

Super Elastic Bubble Plastic

Chances

Terzo lavoro, autoprodotto, degli italianissimi Super Elastic Bubble Plastic, band indie rock che milita sulle scene con il suo sound particolare ormai dal 2001. Poco ci vorrebbe a far rientrare Chances nell’hard rock più spigoloso, ma poi bisogna fare i conti con chitarre acustiche, ukulele, armonium, fisarmonica, trombe e tromboni, addirittura flicorni, violini e mandolini. E non dimentichiamo i rimandi al grunge, al post punk e, perché no, andando anche più a ritroso nel tempo, al folk americano. È un lavoro che si staglia sulla via della stessa disomogeneità intrapresa già a partire da “The Swindler”, ma che qui è accentuato da una commistione di generi miscelati con creatività, che porta i Super Elastic a non ripetersi e, soprattutto, a sperimentare.

E se partiamo immediatamente con riff incalzanti e batteria che lasciano spazio a una voce quasi scream, subito dopo ci imbattiamo in Like The Sea, pezzo dalla forma canzone più classica del termine, con un suadente basso che accompagna tutta la melodia. Passando tra pezzi energici e ballad, si arriva verso la fine ad ascoltare Young Shark, un po’ caustica e dai suoni dilatati, con una buona dose di psichedelìa che sfocia però nei suoni duri dell’heavy, come flash pronti a colpire, e i sette minuti di durata sono esemplificativi di tutto ciò.

Tre pezzi di notevole pregio li troviamo poi in chiusura, a completare con stile una scaletta che finora aveva alternato un gusto per brevissimi intervalli di vero e proprio silenzio, che dava modo alll’orecchio di distendersi, a scariche di suoni potenti. E così What Else è un po’ Reload e un po’ Super Elastic, Bad News incanta con un violino misterioso, e A Tale From The Bottom è la chiusura migliore, con chitarra acustica e armonica, tra gli altri, che ricordano le ballad americane del Bob Dylan più folkeggiante. E, in effetti, «nothing can kills the stars».

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Super Elastic Bubble Plastic
  • Anno: 2008
  • Durata: 40:59
  • Etichetta: Super Fake/Metatron/Venus

Elenco delle tracce

01. Someone Nice To Kiss
02. Like The Sea
03. Fake Queen
04. New Personalities
05. Lover's Heart
06. Mister P
07. Travis
08. Young Shark
09. What Else
10. Bad News
11. A Tale From The Bottom

Brani migliori

  1. Fake Queen
  2. Bad News
  3. A Tale From The Bottom

Musicisti

Gionata Mirai: voce, chitarra, basso
Gianni Morandini
: basso
Alessio Capra
: batteria

Marco Gentile: chitarra acustica e ukulele
Ivan Bert
: tromba e flicorno
Ru Catania
: chitarra elettrica e acustica
Cristiano Lo Mele
: mandolino
Paolo Mazzacani
: armonium
Mr T – Bone
: trombone
Francesco Ventura
: fisarmonica
Diego Aroldi
: voce in #6
Sara Ardizzoni
: voce in #7