ultime notizie

Christmas Favorites: il Natale visto da ...

Marco Giubileo ci ha preso gusto. Dopo The BASSoundtrack Book, EP uscito meno di un anno fa e dedicato a celebri colonne sonore riarrangiate con il basso solista (disco che ...

Finaz

Cicatrici

Dire Finaz significa andare oltre fino ad abbracciare direttamente il talento. Finaz è un chitarrista eccezionale e lo dimostra ampiamente in questo Cicatrici, terzo disco da solista, che segue l’iperacustico “Guitar Solo” del 2012 e la ricerca elettronica sulla chitarra di “GuitaRevolution” (2016). Un album nel quale il musicista toscano, pur senza accantonare i suoi slanci virtuosistici, si concentra in particolare sulla composizione, dando vita a brani dal diverso stile ma tutti accomunati dalla grande qualità sonora. Se questo penalizza un po’ l’omogeneità dell’album, regala allo stesso tempo magie che raramente ci è dato di ascoltare da parte di chitarristi italiani.

Il disco si apre con una canzone che ha una resa straordinaria, costruita per essere valorizzata da una voce importante come quella di Petra Magoni. Si tratta di Cicatrici, brano inedito scritto dai due a quattro mani e interpretato magistralmente dalla grande artista toscana, conterranea di Alessandro Finazzo, in arte Finaz. La canzone dà il titolo all’album e celebra di nuovo il forte sodalizio artistico tra i due autori e interpreti che un paio d’anni fa iniziarono a collaborare con un progetto chiamato Equilibrismi. Ma tornando a Cicatrici, si tratta di ana canzone nella quale la fusione tra armonia, suono, testo, voce ed abilità chitarristica la rende destinata ad entrare nel novero dei “classici”, mentre il brano successivo, Piccola Sonata, sviluppa una ricerca musicale che sembra trasformare la sei corde di Finaz in un violino. Nel terzo pezzo appare il secondo ospite del disco, il texano Alex Ruiz (armonica) musicista che vanta una certa notorietà con le due band Del Castillo e Chingon. Ruiz nobilita il blues di Heart of Stone, nel quale Finaz esordisce come cantante, oltre che suonare magistralmente il dobro, per un brano scelto come singolo apripista dell’album. Tre canzoni e tre stili diversi, è questo il leitmotiv di Cicatrici, che già con tre sole tracce appare come un lavoro vario e divertente, con vari ospiti, pezzi cantati che si alternano ad altri strumentali, ricerca musicale e suoni di diversa origine ed estrazione.

 

Con Just Like Always Finaz recupera anche il reggae e costruisce un pezzo trascinante, regalando una buona interpretazione vocale. Trovano spazio anche due (ottime) cover, seppur molto diverse. Tu si ‘na cosa grande, splendida canzone di Domenico Modugno, minimale ed intrigante e I want you di Tom Waits, bellissimo brano reso con voce delicata, contrappuntata da una seconda voce che mette in bella evidenza la melodia della canzone. I brani strumentali fanno risaltare la straordinaria tecnica di Finaz, che si destreggia tra ritmi e colori diversi. Hotel K ad esempio è vagamente ambient, Mojave Song parte quasi alla stessa maniera ma già verso la metà entra il suono caldo e limpidissimo dell’acustica, Bambaya è afro, mentre Marrakech Moon ha scenari chiaramente nordafricani e vede la partecipazione di Sara Piolanti dei Caravane de Ville, mentre tenue e intensa, con la voce di Giambattista Galli dei Sulutumana, è Dici che non è amore. Il disco si chiude con altri due brani non cantati, Mozartiana, con il clavicembalo in primo piano e The String Theory, nel quale dominano i violoncelli. Album da ascoltare, con picchi eccellenti e il solo “limite” di essere inevitabilmente frammentario. Tutti brani sono stati composti da Finaz, ad eccezione di Cicatrici di Finaz/Magoni, “Dici che non è amore” di Finaz/Galli, e le due cover I Want You di Tom Waits, Tu sì ‘na cosa grande di Modugno/Gigli.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2021
  • Durata: 47:18
  • Etichetta: Rivertale Productions

Elenco delle tracce

01. Cicatrici feat. Petra Magoni

02. Piccola Sonata

03. Heart Of Stone feat. Alex Ruiz

04. Hotel K

05. Just Like Always

06. Mojave Song

07. Bambaya

08. Tu Sì ‘Na Cosa Grande

09. Follow Your Mind

10. I Want You

11. Marrakech Moon feat. Sara Piolanti

12. Dici che non è amore feat. Giambattista Galli

13. Mozartiana

14. The String Theory

 

Brani migliori

  1. Cicatrici
  2. I want you
  3. Dici che non è amore