ultime notizie

‘Emozioni. Viaggio tra le canzoni di ...

Quest'anno sono vent'anni che non c'è più. Venti che in alcuni giorni sembrano mille ed in altri, quando i suoi dischi girano e strusciano sotto la puntina, sembrano ...

Angelica Lubian

Conservare in luogo fresco e asciutto

Non si può che salutare con favore la sfornata di giovani cantautrici che si stanno affacciando sul mondo musicale italiano, da sempre molto poco incline a recepire il cantautorato femminile. Nuova tendenza particolarmente gradita soprattutto perché si tratta spesso di artiste musicalmente interessanti e con un'identità propria e ben definita, lungi dai vecchi schemi di imitazione di modelli maschili o di autoghettizzazione in un ambito di pure interpreti. La friulana Angelica Lubian appartiene di diritto a questa nuova schiera, con il suo pop-rock orecchiabile ma per nulla banale. È autrice di tutti i brani di questo piacevole esordio discografico, parole e musica, e anche abile strumentista, giacché suona tutti i pezzi con l'aiuto di pochi musicisti.
Le tredici tracce del disco parlano delle vicende umane, amorose, esistenziali di una giovane donna attenta e sensibile che sa trasformare in materia artistica la sua quotidianità e le difficoltà del vivere. Dai testi si evince una forte e matura personalità, dotata di creatività, ironia (Roba deperibile), carattere (Lo spazzolino), ma non esente da una sottile malinconia (Profumo di paglia), quando non vero e proprio dolore  (Sconosciuto). Volendo essere pignoli, di tanto in tanto la voglia di colpire l'ascoltatore si concretizza in frasi in bilico tra il colpo di genio e lo strafalcione; tuttavia l'intento di originalità è non solo apprezzabile, ma anche raggiunto. Lo stesso dicasi per le musiche, che in certi casi si smarcano dalla struttura consunta strofa-inciso (Siffatta creatura), e in altri la rivitalizzano con passaggi musicali inattesi e ben architettati (Io non mancherò di niente).
Insomma, un'artista interessante e un disco convincente, che sicuramente sarà un punto di partenza per altri lavori, magari più maturi, che attendiamo con sincero interesse.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Angelica Lubian
  • Anno: 2008
  • Durata: 54:04
  • Etichetta: Autoprodotto

Elenco delle tracce

01. Mercenaria
02. Siffatta creatura
03. Roba deperibile
04. Incredibilmente disarmante
05. Metereopatica
06. Sconosciuto
07. Taglia e cuci
08. Schiavi ma felici
09. Lo spazzolino
10. Io non mancherò di niente
11. Mon cher, addio
12. Mi manchi lo sai?
13. Profumo di paglia

Brani migliori

  1. Siffatta creatura
  2. Metereopatica
  3. Profumo di paglia

Musicisti

Angelica Lubian: voce, chitarra
Simone Sant
: chitarra

Alessio Benedetti
: batteria su #1, #3, #5, #8, #9, #12
Federico Missio: sax alto e soprano su #3