ultime notizie

09 aprile: a Castel Mella (BS ...

    Martedì 9 Aprile 2024 ore 21 – Castel Mella (Bs)      -      Auditorium Giorgio Gaber - via Onzato, 56                                                        POVIA LIVE - "MI HAI SALVATO LA VITA TOUR di Ricky Barone Il percorso artistico di ...

Paolo Rigotto

Corpi celesti

Più che un lavoro solista, un vero e proprio album “one man released”; Corpi Celesti è, dalle musiche, ai testi, all’artwork, il frutto del lavoro a 360° di Paolo Rigotto.

L’ascolto di questo cd offre la possibilità di valutarlo in base a molti e differenti parametri, e soprattutto “obbliga” l’ascoltatore a tornare un po’ indietro nel tempo, perché l’approccio “elettronico” non è certamente di stretta attualità, ma risente, e molto, di una certa influenza anni ’80.

Testi interessanti che, anche quando trattano di argomenti “a forte rischio banalità”, come ad esempio Integrazione, riescono brillantemente a non esserne vittime; lo stile, fatte le debite proporzioni e differenziazioni, è quello di cui Caparezza è stato un po’ l’iniziatore: sarcasmo, rima fulminante, magari un livello minore di denuncia sociale ed un carico maggiore di scherno come, ad esempio, in Male che vada o Madama Dorè.

Quanto al discorso strettamente musicale, qui si interroga davvero il gusto personale dell’ascoltatore, e non è davvero facile essere “neutrali”; chi ama sentire, comunque, una band, anche alle spalle di un singolo artista, vorrebbe forse più musicisti a collaborare con Rigotto, il quale, intendiamoci, se la cava brillantemente con tutti gli strumenti ai quali mette mano.

Tuttavia, in questo senso, l’album è sottilmente pervaso da un senso di eccessiva linearità, forse dovuta anche agli arrangiamenti molto “livellati”; solo a tratti, ad esempio in Canzoni d’amori, o anche in Musica con la cappa e La fine del mondo, la dinamica strumentale risulta un po’ più vivace e differenziata; se invece si apprezza maggiormente l’effetto “dance floor”, come in Scheda madre, l’effetto è sicuramente più apprezzabile.

In generale potremmo definire quest’album un lavoro di cantautorato pop, che a tratti si spinge verso l’elettropop, ma senza quei loop tipici per esserlo appieno: di indubbio interesse l’approccio scanzonato, irriverente, concettualmente e sintatticamente notevole, dei testi; dell’aspetto strumentale si è detto, per cui ogni tipo di valutazione è affidata al gusto del singolo ascoltatore.

Ah, alla fine, dopo un po’ di silenzio, c’è anche una “specie” di ghost track…

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Paolo Rigotto
  • Anno: 2010
  • Durata: 43:12
  • Etichetta: Autoprodotto

Elenco delle tracce

01. Cronofilia (canzone per Berta)

02. Integrazione

03. Male che vada

04. Madama Dorè

05. Il capo

06. Canzoni d’amori

07. Scheda madre

08. Due di notte

09. Musica con la cappa

10. La fine del mondo

Brani migliori

  1. Male che vada
  2. Due di notte
  3. Musica con la cappa

Musicisti

Paolo Rigotto: voce, batteria, tastiere chitarre, programmazioni