ultime notizie

Quando, il cofanetto di Pino Daniele

Il 1 Dicembre è uscito Quando, il cofanetto di Pino Daniele curato dal Pino Daniele Trust Onlus per Warner Music Italy, contenente ben 95 brani, un libro di 72 pagine e ...

Cristiano De André

De André canta De André Vol. 3

Torna il De André secondo De André (in fondo sì, senza voler essere tacciati di blasfemia, di Vangelo si tratta, di sacri testi certamente) e ancora una volta il punto regge egregiamente. Ci saranno certo quelli che diranno “ma veramente…”. Amici: Fabrizio era unico e Cristiano (anche per parentela squisitamente vocale) è più o meno il meglio che offra il panorama per riproporre quel repertorio che d’altro canto in tanti stanno ricantando. Lui ha il marchio di fabbrica, e non è poco.

Detto ciò, si sarà forse implicitamente intuito che i remakes che più ci convincono sono quelli più prossimi agli originali, che del resto padre e figlio hanno proposto millanta volte dal vivo (nonché nei sempre fin troppo rari album che Fabrizio ci ha regalato dacché Cristiano era in età per affiancarlo) insieme, oltre al peso specifico degli stessi (brani scelti) in senso assoluto. Così ci piace di più la prima parte del cd che non la seconda, perché il trittico Sinàn Capudàn Pascià / Khorakhanè / Dolcenera è magistrale (anche per unità stilistica), Una storia sbagliata, mai uscita su album (ma solo su 45 giri, con sul retro Titti, anno di grazia 1980), è un’autentica chicca, e poi ancora Il testamento di Tito rimane uno dei capolavori assoluti del songbook deandreiano.

Lo stesso vale ovviamente anche per alcune delle canzoni che seguono, ma per esempio – una per tutte – quella Guerra di Piero così rallentata, piana, quieta, perde in mordente e forza d’urto, mentre un brano molto eseguito anche se di primo acchito non memorabile come Volta la carta (un pezzo facile? perché no?), in chiusura, riporta la temperatura alle giuste altezze. Altrove ci sono scelte meno convincenti (Coda di lupo, Canzone per l’estate), proprio per il peso specifico di partenza dei brani di cui dicevamo prima, e tuttavia l’ascolto di questo De André canta De André Vol. 3 rappresenta ancora una volta un bagno tonificante e gradito. In attesa del Vol. 4?

Foto di Dino Buffagni

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Cristiano De André
  • Anno: 2017
  • Durata: 59:15
  • Etichetta: Universal

Elenco delle tracce

01. Canzone del Maggio
02. Sinàn Capudàn Pascià
03. Khorakhanè
04. Dolcenera
05. Una storia sbagliata
06. Coda di lupo
07. Il testamento di Tito
08. Canzone per l'estate
09. Il bombarolo
10. Amore che vieni amore che vai
11. La guerra di Piero
12. Volta la carta

Brani migliori

  1. Sinàn Capudàn Pascià
  2. Khorakhanè
  3. Il testamento di Tito

Musicisti

Cristiano De André: voce, chitarra acustica, bouzouki, violino, pianoforte   -  Osvaldo Di Dio: chitarre  -  Max Marcolini: tastiere, programmazioni, chitarra acustica   -  Massimo Ciaccio: basso  -  Davide De Vito: batteria, percussioni